BIRGI, ALTRI 15 GIORNI PER CONSENTIRE AI SINDACI DI PAGARE LE QUOTE

Ancora 15 giorni di tempo per i sindaci che sono chiamati a pagare la quota dell’accordo di co-marketing per l’aeroporto di Birgi. Il presidente della Camera di Commercio Pino Pace è pronto a rassegnare le sue dimissioni da coordinatoree della cabina di regia dell’intesa con “AMS”, società che si occupa del marketing della Ryanair, ma la giunta camerale gli ha chiesto di dare ancora una opportunità ai Comuni. Due settimane per rimettersi in carreggiata. Per rispettare l’accordo e per evitare che la compagnia aerea irlandese decida di ridurre i voli da e per Birgi. Non è un ultimatum quello della Camera di Commercio che si trova tra i due fuochi, l’AMS che batte cassa, ed i sindaci che dicono di non avere i soldi, ma un invito a non far precipitare la situazione. Il sindaco di Trapani Vito Damiano ha già detto che i suoi uffici hanno avviato le procedure per pagare metà della quota, 150 mila euro. Metà per il Comune non ha il bilancio 2015 e di conseguenza opera in dodicesimi. Due settimane possono invertire la tendenza che comunque, al momento, rimane negativa. Il 15 luglio il presidente Pace e la sua giunta verificheranno ciò che è accaduto e dovranno prendere una decisione.

Commenti

commenti