FORZA ITALIA NEL CAOS. SAVALLI: “CHI ATTACCA D’ALI’, LASCI IL PARTITO”

24 Giugno 2015

“E’ di solare evidenza come gli attacchi personali mediatici nei confronti del coordinatore provinciale Antonio D’Alì siano frutto di astio personale e non siano invece funzionali ad un serio confronto all’interno del partito che, come appare chiaro, gioverebbe allo stesso. La polemica fine a se stessa nonché gli insulti personali non fanno infatti bene al partito. E’ auspicabile che chi porta avanti questi attacchi abbia finalmente il coraggio delle proprie azioni ed intraprenda definitivamente nuovi percorsi politici al di fuori del partito”. Il vice coordinatore provinciale di Forza Italia, Salvatore Savalli, è chiaro. Chi non sta con D’Alì deve lasciare il partito. E’ ormai scontro aperto in Forza Italia. L’azzeramento delle cariche disposto da D’Alì, dopo le elezioni amministrative di Marsala, ha fatto emergere tutte le contraddizioni e le divisioni interne al partito. Situazione particolarmente tesa anche a Trapani dove tre consiglieri hanno lasciato nei mesi scorsi il gruppo consiliare costituendone uno nuovo. “Preso atto delle dichiarazioni del consigliere Francesco Salone riguardanti il partito di Forza Italia, non volendo polemizzare – dice il coordinatore cittadino Gianni Basiricò -, rappresento che quell’orgoglio che il consigliere non riesce ad individuare, in me rimane sempre e comunque un sentimento vivo e lo stesso vale per tutti coloro i quali comunque lottano ogni giorno nel portare avanti i valori del Partito stesso, anche in un periodo alquanto difficile e non localizzato solo al nostro ambito territoriale. Come più volte detto, avrei preferito confronti seri, anche duri ed animati all’interno del partito e non circoscrivere il tutto, piuttosto ad attacchi personali, limitandosi ad una futile diatriba mediatica e strumentale, nei confronti del Senatore Antonio D’Alì. Pur tuttavia, dopo le decisioni del consigliere, volte a lasciare il partito, non comprendo il comportamento dello stesso, nonché le sue preoccupazioni che dovrebbero sicuramente essere rivolte ai suoi progetti futuri che nulla hanno a che fare con il Partito di Forza Italia. Trascendo da ogni polemica afferente le sue dichiarazioni in merito al quadro dirigenziale del partito che, sottolineo, non viola nessuna norma statutaria”.

 

Notizie Correlate