ESERCITAZIONE NATO A TRAPANI. D’ALI’: “NON VENGA PENALIZZATO TRASPORTO AEREO CIVILE”

4 Giugno 2015

Prime reazioni alla notizia dello spostamento dalla Sardegna a Trapani dell’esercitazione NATO prevista per il prossimo mese di settembre. “Apprendo con soddisfazione – dice il senatore Antonio D’Alì – che la tanto vituperata Sicilia e Trapani in particolare offrano in fatto condizioni ottimali di sicurezza e di contesto per lo svolgimento previsto da settembre a novembre 2015 della “Trident Juncture” , maggior esercitazione NATO dalla caduta del Muro di Berlino ad oggi. Nel considerare con meraviglia e preoccupazione che il Governo Italiano ritiene di non essere in grado di assicurare le stesse condizioni di sicurezza in altra parte del territorio nazionale, sono certo che lo stesso Governo saprà questa volta organizzare il lungo ed impegnativo evento militare in sintonia con il territorio perché questi ne colga i potenziali risvolti positivi, e che non venga penalizzato il trasporto aereo civile dello scalo Trapani/Marsala Birgi, impegnato a sostenere tramite il rilevante flusso di passeggeri l’economia locale e le attività turistiche in particolare, in quel periodo ancóra internazionalmente rilevanti, come l’ormai celeberrimo “Cuscus Festival” di San Vito Lo Capo. Non ho dubbi – conclude l’esponente di Forza Italia – che ciò sia già rientrato tra gli elementi di valutazione per la scelta, per decidere la quale immagino sia stato ascoltato anche l’autorevole Governo Regionale”.

Notizie Correlate