ELEZIONI MARSALA. D’ALI’: “ABBIAMO STOPPATO IL PREDOMINIO DEL PARTITO DEMOCRATICO”

2 Giugno 2015

“Anche da Marsala, grazie a Forza Italia, arriva uno stop al predominio del Partito Democratico”. Lo ha dichiarato il senatore Antonio D’Alì, coordinatore provinciale di Forza Italia, commentando i risultati delle elezioni amministrative marsalesi che hanno confermato la lista Forza Marsala, l’unica collegata al Partito, come seconda di coalizione e terza nell’intera competizione elettorale. “A Marsala – dice D’Alì – si era concentrato un plotone di vecchi e nuovi comunisti d’occasione, sicuri di conquistare il potere comunale. Lo schieramento alternativo al Pd ha offerto ai marsalesi e ancor di più ora lo farà nel ballottaggio, una vera alternativa per sottrarsi alla tassazione tipica delle amministrazioni di sinistra e anche per dare un segnale politico al riformismo parolaio dei Governi nazionale e regionale che si traduce, ad esempio, nella pessima riforma della scuola. Non per nulla ieri si erano radunati a Marsala gli esponenti dell’attuale potere regionale, da Lumia a Ruggirello, dalla Milazzo a Oddo, nella speranza di potere festeggiare una vittoria che ora è messa fortemente in discussione dal responso popolare dei cittadini marsalesi che hanno premiato in Forza Marsala il coraggio di confermare inequivocabilmente l’appartenenza a Forza Italia, coniugata con un’apertura civica di ampio respiro. Gli elettori hanno dunque capito e sono certo che al ballottaggio, dove si misurano non solo due personalità ma anche due modelli di società, Marsala, così come in altre città, potrà dire un deciso no alla politica di Renzi e Crocetta”. “I miei personali complimenti – prosegue il coordinatore provinciale di Forza Italia – vanno ad Eleonora Lo Curto, ai dirigenti e a tutti i candidati che hanno condiviso la scelta del Partito senza se e senza ma e che con semplicità, umiltà e tenacia, hanno determinato l’ottimo successo della lista. E naturalmente in primis a tutti coloro i quali rappresenteranno Forza Marsala/Italia in consiglio comunale, Ferrantelli e Genna sin da oggi, Accardi e Carnese vincendo il ballottaggio, nel quale saremo impegnati più che mai a spiegare ai cittadini marsalesi come l’attuale accrocchio della sinistra abbia anche precisi collegamenti con l’esperienza pregressa da loro ipocritamente tanto criticata dove Pd, socialisti e Articolo 4 erano stabilmente in maggioranza. Inoltre, avremo l’occasione di illustrare ai marsalesi come l’aggregazione attorno a Massimo Grillo e al suo programma rappresentino una vera opportunità di cambiamento e rilancio dell’economia del territorio di Marsala e dell’intera provincia. D’altronde abbiamo già vissuto esperienze in cui i ballottaggi ribaltano le tendenze del primo turno e siamo convinti che ciò accadrà in molti altri importanti Comuni della Sicilia – vedi Enna – dove il primo turno è servito a smontare l’arroganza della sinistra e il ballottaggio può essere per gli elettori l’occasione per bocciarla definitivamente”.

Notizie Correlate