ALCAMO, MILITELLO CHIAMA IN CAUSA FERRARA: “CONVOCHI IL PARTITO”

18 Maggio 2015

Alla vigilia di una riunione di maggioranza che si annuncia ad alta tensione arriva una nota dell’avvocato Marina Militello che non potrà far altro che alzare la pressione sul vertice ma soprattutto nel confronto interno al Pd. La rappresentante dell’esecutivo provinciale del partito fa riferimento all’incontro che si è svolto lo scorso venerdì pomeriggio nella sala Rubino del Centro Congressi Marconi. Il Pd ha messo dei paletti con il coordinatore della “reggenza” Massimo Ferrara. Ha detto no ai tavoli aperti all’opposizione, ha  chiesto una rivisitazione della giunta ed una maggiore presenza del sindaco Sebastiano Bonventre in città. La Militello s’interroga sulla “complessità degli argomenti proposti e chiede che sia la base dei democratici ad esprimersi. L’avvocato chiama in causa il vertice del partito. Considera infatti il coinvolgimento della base l’unica via che il Pd può e deve seguire perché lo prevede lo statuto “funzionale a creare quel rapporto con la base del partito che troppo spesso, tra decisionismo di Roma e scarsa attenzione da parte dei dirigenti locali, viene resa partecipe solo in occasione delle competizioni elettorali. Inoltre, in questo modo, si agirebbe in maniera trasparente e verrebbe consentito a tutti di formulare proposte, candidature in maniera trasparente e verrebbe consentito a tutti di formulare proposte che poi andrebbero vagliate e votate dal direttivo stesso”. Da qui la richiesta di un “direttivo allargato a tutto il gruppo consiliare” per affrontare tutti i temi che sono stati affrontati nella riunione di venerdì scorso.

 

Notizie Correlate