ERICE, CONSIGLIO STRAORDINARIO SULLA SICUREZZA IN CITTA’

13 Maggio 2015

La maggioranza consiliare punta ad un consiglio straordinario ed aperto per affrontare l’emergenze sicurezza in città. Troppi furti nelle abitazioni, in qualche caso anche con aggressioni nei confronti di chi s’è ritrovato i ladri in casa. Il consiglio comunale di Erice vuole confrontarsi con i cittadini ed avere una risposta da parte delle istituzioni. La richiesta di una seduta straordinaria è stata formalizzata dai capigruppo di maggioranza. Diego Sugamele per il Pd, Valeria Ciaravino per “Cittadini per Erice”, Giuseppe Spagnolo in rappresentanza del gruppo “Erice in tutti Noi” e Pippo Martines per “Erice che Vogliamo” hanno chiesto al presidente Ninni Romano di convocare il consiglio al più presto. Il sindaco di Erice Giacomo Tranchida, dopo avere elencato tutti gli interventi dell’amministrazione, a partire dal potenziamento del servizio di videosorveglianza sul territorio cittadino, ha chiamato in causa il premier Matteo Renzi ed il Ministro dell’Interno Angelino Alfano invitandoli ad occuparsi della sicurezza nelle città. Stessa richiesta è stata fatta al presidente della Regione Rosario Crocetta. Tranchida addebita l’aumento dei casi di furto nelle abitazioni da un lato alla congiuntura economica negativa ma anche alla mancanza di personale che spesso viene “smistato” e trasferito ad affrontare un’altra emergenza, quella della gestione degli sbarchi d’immigrati.

Notizie Correlate