MARINERIA MAZARESE PROCLAMA LO STATO DI AGITAZIONE

6 Maggio 2015

La marineria mazarese è in stato di agitazione. La protesta è stata indetta dal coordinamento della Filiera ittica Mazara dopo l’ennesimo tentativo di sequestro di un peschereccio in acque internazionali al largo della Libia. Gli equipaggi di settanta imbarcazioni da pesca spegneranno domani per due ore, dalle ore 10 alle 12, il sistema di controllo satellitare per la localizzazione. “Qualora non ricevessimo risposte –dice Domenico Asaro, presidente di Confederazione Imprese Pesca Mazara-Federpesca – continueremo l’indomani spegnendo il sistema per quattro ore, il terzo giorno per sei ore, fino a spegnerlo completamente nei giorni a seguire. Visto che il Governo nazionale e l’Ue considerano inesistente la pesca mazarese, e siciliana in generale, allora ci oscuriamo da noi. Vogliamo ribadire che siamo pescatori europei, chiediamo soltanto di potere lavorare nelle acque internazionali con le adeguate garanzie di sicurezza”. Asaro, il presidente del Distretto Produttivo della Pesca Giovanni Tumbiolo ed il presidente di Imprese Pesca Mazara–Coldiretti Alberto De Santi raccomandano ai loro associati di rispettare l’invito del Comando Generale delle Capitanerie di Porto a non avvicinarsi alle acque prospicienti le coste libiche.

 

Notizie Correlate