CUTRONA: “L’UTILIZZO ILLECITO DI FINANZIAMENTI PUBBLICI E’ UN FATTO GRAVISSIMO”

22 Aprile 2015

“L’operazione che ha portato al sequestro dell’ingente patrimonio dell’imprenditore Michele Licata e delle figlie Clara Maria e Valentina scardina, ancora una volta, un sistema economico di affari che poggia sulle fondamenta dell’ illegalità a scapito dello Stato e di coloro che onestamente si adoperano per sviluppare e, in taluni casi, tenere in piedi le loro realtà imprenditoriali”. E’ il commento del segretario generale della Cgil di Trapani Filippo Cutrona a seguito dell’operazione che ha portato al maxi sequestro preventivo, per evasione fiscale e truffa allo Stato, di beni per 113 milioni di euro alla famiglia Licata e all’iscrizione nell’elenco degli indagati di 13 persone. “L’utilizzo illecito dei finanziamenti pubblici e le fatture false – ha detto Cutrona – rappresenta un fatto gravissimo per la collettività e per l’intero territorio. A fronte di imprenditori senza scrupoli che utilizzano il denaro pubblico per arricchirsi ce ne sono tanti altri che contribuiscono alla crescita di importanti settori in via di espansione, quale è quello legato al turismo. Auspichiamo – ha concluso – che le lavoratrici e i lavoratori delle strutture ricettive sequestratecontinuino, cosi come annunciato dagli inquirenti, a lavorare regolarmente”.


 

Notizie Correlate