RACCOLTA RIFIUTI A TRAPANI. TRANCHIDA: “SERVIZIO PESSIMO E CARO”

21 Aprile 2015

“Il Comune di Trapani assicura un pessimo servizio di raccolta dei rifiuti, non fa la raccolta differenziata porta a porta e financo fa pagare ai trapanesi una delle tasse più alte”. Il sindaco di Erice Giacomo Tranchida boccia l’amministrazione comunale di Trapani. La polemica è scoppiata a seguito della sentenza della Corte d’Appello di Palermo che, ribaltando il giudizio di primo grado, ha condannato il Comune di Erice a pagare quasi un milione di euro al Comune di Tapani per il conferimento di rifiuti presso l’impianto di contrada Belvedere. “Si tratta di una vicenda precedente alla mia amministrazione”, precisa Tranchida. “Ad ogni buon conto e nel merito, una volta letta la sentenza, valuteremo se ricorrere in Cassazione. Ho l’impressione che Damiano ed il suo predecessore Fazio – aggiunge Tranchida – vogliano scaricare sulle mie spalle loro responsabilità di errate e miopi scelte gestionali sul sistema del servizio di raccolta dei rifiuti, che produce conseguenti ed esorbitanti oneri quale la esosa tassa rifiuti per i cittadini trapanesi. La vicenda in oggetto si riferisce al tempo in cui gli amministratori ericini erano loro compagni politici e di partito. Il sottoscritto, all’epoca sindaco di Valderice, insieme a tutti gli altri sindaci, non a caso, fiutando il pericolo, si oppose all’OPA/Trapani Servizi lanciata da Fazio per trasformare il sistema dei rifiuti del comprensorio ex agro ericino nella fallimentare odierna gestione trapanese”.

La replica di Fazio

La replica dell’ex sindaco Mimmo Fazio non s’è fatta attendere.  “A Tranchida – dichiara Fazio – piace confondere il rifiuto con il consenso ma, al di la dei calembour, egli sa bene quale è la verità e meglio avrebbe fatto a rimanere in silenzio. Di solito lascio che parlino gli atti, amministrativi o, come nel caso della sentenza della Corte di Appello di Palermo, giudiziari, ma visto che Tranchida continua ad agitare il vessillo della tassa dei rifiuti di Erice più bassa di quella di Trapani, e continua a sostenere che questa fosse la più alta in assoluto, mi sento di avanzare alcune considerazioni: 1. Non è vero che la tassa sui rifiuti di Trapani fosse la più alta inassoluto, e quella di Erice è stata tenuta più bassa proprio perché le amministrazioni ericine, e poco importa da chi fossero rette, hanno fatto pagare al Comune di Trapani servizi sui quali in atto vi sono ancora contenziosi. A Tranchida piace sempre giocare agli schieramenti ma gli ricordo che la spazzatura non è di destra, nè di sinistra. È solo ingombrante ed inquinante e va tolta dalle strade. Io sono riuscito a farlo, fino a quando ho governato la città. Si chieda se lui e l’Ato hanno potuto fare lo stesso. Per quanto attiene al contenzioso posso dire che per fortuna non decidiamo né io, né Tranchida, ma decide la magistratura. Nel contenzioso tra i Comuni di Trapani ed Erice, deciderà la magistratura civile, che non è meno attenta alla legalità del sindaco Tranchida”.

Notizie Correlate