TRAPANI SCONFITTO DAL CATANIA. I GRANATA GIOCANO SOLTANTO UN TEMPO

Facebook

11 Aprile 2015

Catania-Trapani 4-1

Reti: Terlizzi (T) rig 7′ pt, 3′ st Schiavi (C), 7′ st aut.Terlizzi, 17′ st Castro (C), 45′ Schiavi (C)

Le dichiarazioni. “Sconfitta meritata”. Serse Cosmi mette subito le cose in chiaro. “Normalmente – ha aggiunto – dopo il riposo le squadre rientrano in campo, noi invece siamo rimasti negli spogliatoi. Non siamo tornati in campo. In pochissimi minuti ci siamo complicati la vita. Abbiamo commesso diversi errori, qualcuno l’ha commesso anche l’arbitro, ma non è stato determinante”. Il Trapani, anche con capitan Pagliarulo ha recriminato per l’espulsione di Ciaramitaro al 16′ del secondo tempo per doppia ammonizione. Un minuto dopo è arrivato il gol del 3-1 del Catania che ha chiuso la partita. Sia Daì che Scozzarella hanno parlato di secondo tempo incomprensibile. “Dispiace – ha sottolineato Scozzarella – perdere una partita che avevamo iniziato bene. Dispiace avere regalato 10′ al Catania ed avere compromesso la partita. Gli abbiamo regalato 2 gol. Non deve comunque essere una preoccupazione ma una lezione per le prossime partite”.

La partita. Il Trapani gioca soltanto un tempo che non basta per uscire indenne dal “Massimino”. Il Catania fa sua la gara con un rotondo 4-1 che penalizza troppo i granata. La squadra di Serse Cosmi ha giocato un primo tempo di grande intensità. A tratti ha giocato di autorità con Scozzarella a dettare i tempi del centrocampo. Catania incapace d’imbastire una sola azione degna di nota fino al 16′ quando si trovava già sotto di un gol perché il Trapani era passato in vantaggio con un calcio di rigore di Terlizzi. Rigore quanto mai netto per un fallo di mano di Rinaudo su un cross di Ciaramitaro. Trapani che non sbagliava una palla e Catania che non riusciva a trovare trame di gioco in grado di mettere in difficoltà Gomis e compagni. I padroni di casa erano pericolosi soltanto con le folate offensive dell’estrerno destro Del Prete. Al 37′ il Trapani poteva raddoppiare con Barillà ma Gillet riesce a sfiorare la palla, un diagonale del centrocampista granata, e salva la sua porta. Alla fine del primo tempo una doppia occasione per Maniero e Calaiò conclude la spinta del Catania alla ricerca del pareggio. Si va negli spogliatoi con i fischi dei tifosi di casa nei confronti della loro squadra. Il Trapani finisce il primo tempo in palla e con una squadra che sa il fatto suo. Ma i granata rimangono negli spogliatoi perché in 17′ il Catania pareggia, passa in vantaggio e mette a segno anche la rete della tranquillità. Comincia il difensore Schiavi lasciato da solo in area di rigore su una punizione di Rosina. E’ il 3′ del secondo tempo. Al 7′ c’è l’autorete di Terlizzi che devia nella sua rete un tiro di Maniero, al 17′ Castro, il migliore dei suoi, raccoglie un appoggio di Calaiò e chiude la partita. Un minuto prima ci ha messo del suo Ciaramitaro facendosi ammonire per la seconda volta e lasciando il Trapani in dieci uomini. Mister Cosmi aveva messo in campo all’inizio del secondo tempo Basso al posto di Abate. Sul 3-1 Aramu ha preso il posto di Barillà. La sostituzione di Perticone con Lo Bue al 38′ è soltanto per fare rifiatare il primo non apparso al meglio della condizione. Il Catania al 45′ fa anche il quarto gol ancora con Schiavi che corregge di testa dopo una traversa presa dal compagno di squadra Del Prete. Il Trapani non ha mai giocato nel secondo tempo. Ha subito la rabbia agonistica del Catania tornato in campo con il coltello fra i denti. I granata sembravano con le gambe molli. Un’altra squadra rispetto al primo tempo che aveva impressionato anche i tifosi del Catania. Il Trapani rimane a 42 punti mentre il Catania sale a 41, dopo 3 vittorie consecutive. Le due squadre, se il campionato finissse oggi, sarebbero salve.

Il tabellino. Catania: Gillet, Del Prete, Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta, Sciaudone (76′ Escalante), Rinaudo, Rosina, Castro (91′ Piermarteri Calaió (76′ Chrapek)Maniero.  A disposizione: Terracciano, Belmonte, Escalante, Capuano, Coppola, Jankovic, Piermarteri, Rossetti, Chrapek. All. Marcolin

Trapani: Gomis, Perticone (84′ Lo Bue), Pagliarulo, Terlizzi, Dai, Scozzarella, Ciaramitaro, Barillà (64′ Aramu), Falco, Abate (46′ Basso), Malele.  A dispos.:Marcone, Martinelli, Lo Bue, Zampa, Feola, Aramu, Basso,
Costa, Lombardi. All. Cosmi.

Arbitro: Claudio Gavillucci
Assistenti: Carbone, Lo Cicero
Ammoniti: Mazzotta (C), Ciaramitaro (T), Malele (T)
Espulsi: Ciaramitaro (T)

35° giornata di ritorno campionato serie B

Catania-Trapani 4-1

Bari-Crotone 1-1

Brescia-Bologna 1-1

Cittadella-Carpi 0-1

Frosinone-Pescara 2-1

Lanciano-Latina 1-1

Modena-Entella 2-0

Pro Vercelli-Livorno 3-3

Spezia-Ternana 0-1

Vicenza-Avellino (ieri) 1-0

Perugia-Varese (13 aprile)

Classifica: Carpi 71 punti, Bologna 57, Vicenza 56, Frosinone 54, Avellino 52, Livorno 51, Spezia, Perugia 50, Pescara 48, Lanciano 47, Bari 45, Ternana 43, Modena, Trapani 42, Catania, Latina 41, Crotone, Pro Vercelli, Entella 40, Cittadella 39, Brescia 32, Varese 28.