LOMBARDO DICE ADDIO ALLA POLITICA. “IL NUOVO SINDACO? DEVE ESSERE GIOVANE E PREPARATO”

1 Aprile 2015

“A 67 anni non credo di potere avere aspirazioni a fare il deputato regionale, l’onorevole o il senatore come qualcuno potrebbe ipotizzare. Con gli impegni istituzionali ho chiuso”. L’ex sindaco di Marsala Salvatore Lombardo dice addio alla politica. Il passo indietro, annunciato ieri nel corso di una conferenza stampa, è definitivo. “Avevo detto sin dall’inizio che non avevo alcuna intenzione di candidarmi a sindaco di Marsala”, spiega Lombardo ai microfoni di Social Radio. “Se avessi voluto lo avrei fatto già alcuni mesi fa e non certo ora. Ogni tanto bisogna anche pensare alle proprie esigenze. Lascare il mio studio sarebbe stato oneroso visto che non ho più i 45 anni di quando feci il sindaco”. Lombardo ha provato a trovare un candidato sindaco alternativo al segretario comunale del Partito Democratico Alberto Di Girolamo. “Decidere di fare le primarie è stato sbagliato. E’ uno strumento su cui nutro molte riserve. Sono andato a votare ed ho visto gente che non ha mai votato per il centrosinistra ed, in particolare, per il Pd. Non ho nulla contro Di Girolamo. Ritengo però che i marsalesi abbiano il diritto di guardarsi attorno ed individuare il soggetto che ritengono sia il migliore per fare il sindaco della città. Avevamo individuato una serie di persone ma purtroppo non hanno accettato”. Per Lombardo, il nuovo sindaco deve essere giovane e preparato. “Serve una persona dotata di grande personalità, coerente e capace di dire qualche no perché per amministrare bene… ASCOLTA L’INTERVISTA INTEGRALE

 

Notizie Correlate