CHIUSURA SCORRIMENTO. TITOLARE BAR DENUNCIA: “SE NON VERRA’ PRESTO RIAPERTO DOVRO’ CHIUDERE”

3 Marzo 2015

“Se non riaprono presto la strada, sarò costretto a chiudere”. Antonino Pilato, titolare di un bar e rivendita di tabacchi, sullo scorrimento veloce di Trapani, manifesta grande preoccupazione per il futuro della propria attività commerciale. La strada è stata chiusa dopo che il 24 febbraio scorso un albero s’è abbattuto su un furgone provocando la morte di un operaio ed il ferimento di due colleghi. Un provvedimento necessario per consentire le verifiche di tutti gli alberi presenti nella zona. “Nessuno ci ha informati della chiusura”, denuncia Pilato. “Siamo stati costretti a buttare tutta la merce già acquistata per il giorno 25 marzo. Né alcuna comunicazione è pervenuta circa i tempi di riapertura della strada. Continuando così, quando verrà riaperta, sarò costretto a chiudere la mia attività per l’ammontare dei debiti”.


 

Notizie Correlate