CONIUGI ALCAMESI ASSOLTI DALL’ACCUSA DI COLTIVAZIONE DI DROGA

6 Febbraio 2015

Due coniugi alcamesi, Castrenze Camarda ed Anna Maria Ingrao, rispettivamente di 70 e 55 anni, sono stati assolti dall’accusa di coltivazione di sostanza stupefacente. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Palermo. Castrenze ed Ingrao erano stati arrestati  il 17 giugno del 2010 dai militati della Guardia di Finanza di Alcamo in un fondo agricolo nelle campagne di Partinico. Nel corso dell’operazione erano state sequestrate oltre duemila piante di cannabis indica.  I due coniugi negarono ogni addebito adducendo di avere affittato il fondo ad un terzo soggetto. Dopo cinque anni  il Tribunale di Palermo ha pronunciato l’assoluzione per non aver commesso il fatto.  Soddisfazione è stata espressa, dopo la lettura della sentenza, dai difensori, gli avvocati Baldassare Lauria e Laura Ancona. “I nostri assistiti – dichiarano i due legali – sono sempre stati estranei a questo genere di passioni, solo alcune coincidenze hanno indotto gli inquirenti a formulare le pesanti accuse.  Per onestà intellettuale dobbiamo dire che le indagini sono state condotte bene dalla Guardia di Finanza, solo l’accusa calunniosa di altro soggetto, attualmente imputato, ha determinato il grave errore giudiziario”.

Notizie Correlate