AL SANT’ANTONIO ABATE INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA NON CHIRURGICA

21 Gennaio 2015

Presso l’ospedale Sant’Antonio Abate è possibile effettuare l’aborto farmacologico. “Si tratta di una procedura molto più sicura rispetto a quella chirurgica, non necessitando di ricovero né anestesia”, spiega il dottore Tommaso Mercadante, direttore dell’Unità operativa complessa di Ostetricia e ginecologia, unico medico ospedaliero non obiettore dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani. L’aborto farmacologico va effettuato entro la settima settimana attraverso la somministrazione di compresse. La procedura dura 48 ore. Una pratica però ancora poco diffusa. Nel 2014,  su circa 400 interventi di interruzione della gravidanza eseguiti presso l’ospedale Sant’Antonio Abate, la metà circa è stata effettuata in maniera tradizionale. “Una maggiore conoscenza di questa via farmacologica – conclude il primario – contribuirà ad estirpare la piaga degli aborti clandestini, anche perché tutti i trattamenti avvengono nell’assoluto anonimato, compreso nel caso di minori. Occorre semplicemente recarsi presso i consultori o direttamente al nostro ambulatorio”.

 

Notizie Correlate