TRAPANI SERVIZI, IL COMUNE TAGLIA FONDI E SERVIZI

Dal prossimo primo ottobre la Trapani Servizi non effettuerà più la manutenzione della segnaletica stradale e degli impianti di illuminazione pubblica nel capoluogo. La sospensione del servizio è stata decisa dall’amministrazione comunale. Con una nota ufficiale è stato comunicato all’azienda la contestuale riduzione del 10 per cento delle somme ad essa destinate per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, per un ammontare di 400 mila euro circa, e del 10 per cento di quelle riguardanti i cosiddetti servizi diversi,  manutenzione del cimitero, pulizia strade e cassonetti ed altro.  Cgil, Cisl e Uil esprimono forti preoccupazioni per il futuro dei lavoratori. “Siamo fortemente preoccupati – affermano Nicola Del Serro, componente della segreteria Fp Cgil, Giovanni Montana, segretario responsabile di presidio della Fit Cisl Palermo Trapani, e Mario D’Angelo, segretario generale Uiltucs Trapani –per il futuro occupazionale dei circa 150 lavoratori della società. I tagli dei servizi e delle somme potrebbero causare esubero di personale”. Le organizzazioni sindacali chiedono un incontro urgente con il sindaco Vito Damiano e con il prefetto Leopoldo Falco per “conoscere il destino dei dipendenti della Trapani Servizi, ricordando inoltre che il contratto che lega Comune di Trapani e partecipata scadrà il prossimo 30 settembre”.




Commenti

commenti