• Home »
  • Attualità »
  • LE COMMISSIONI EX ARTICOLO 5 ED IL FALLIMENTO DELLA RICOSTRUZIONE POST SISMA NEL BELICE

LE COMMISSIONI EX ARTICOLO 5 ED IL FALLIMENTO DELLA RICOSTRUZIONE POST SISMA NEL BELICE

Una Commissione per ogni Comune terremotato. Il sisma è quello del 1968 che rase al suolo la Valle del Belice. Ma il post terremoto non è stato da meno. Le cosiddette Commissioni ex articolo 5 sono ancora attive. A 50 anni dall’evento. Proprio così. Servono ad approvare i progetti di edilizia privata di ricostruzione post sisma. Proprio così. Sono composte dal sindaco o da un suo delegato, da quattro consiglieri comunali, due di maggioranza e due di opposizione, da un rapprentante sindacale eletto sempre dal consiglio che può decidere su una terna di nomi, dal capo ufficio tecnico, che può avere un sostituto, da due funzionari dell’Assessorato regionale ai Lavori Pubblici e da un rappresentante della Soprintendenza ai Beni Culturali. Ecco cosa ha dichiarato il sindaco di Partanna Nicolò Catania dopo il voto consiliare che consentirà di far ripartire la Commissione: “La ricostituzione della Commissione ex articolo 5 era necessaria e urgente per far proseguire all’organismo la sua attività portando a termine le procedure volte a completare il più possibile questa pagina della ricostruzione, una delle più buie della storia italiana. Ci sono ancora dei fondi da utilizzare a vantaggio degli aventi diritto, uso che avrà ovvie ricadute per l’edilizia locale alla quale potremo dare una boccata di ossigeno in questa fase di economia asfittica”. Il consiglio ha eletto Filippo Massimiliano Atria e Raffaele Beninati per la maggioranza, mentre la minoranza ha puntato su Anna Valeria Accardo e MassimoTrinceri. Commissioni che si rinnovano stancamente e con sindaci che dicono le stesse cose. “Finalmente la Commissione può iniziare un lavoro che avrà, certamente, positive ripercussioni economiche sulla città, anche in termini di completamento della ricostruzione”. Dichiarazione del sindaco di Santa Margherita Belice Franco Valenti. Era il 2013. Catania come Valenti ed i due come tanti altri sindaci della Valle del Belice a certificare, con le loro parole, un fallimento che non è soltanto politico ed istituzionale ma che chiama in causa anche le comunità locali. Non si può ancora parlare di ricostruzione dopo mezzo secolo dal terremoto e d’interventi d’edilizia privata. Ma le Commissioni ex articolo 5, c’è da scommetterci, avranno ancora lunga vita.

Commenti

commenti