• Home »
  • Attualità »
  • TRAPANI, CONSIGLIERE TOSCANO: “C’E’ UN MERCATO PARALLELO ED ABUSIVO DEL PESCE”

TRAPANI, CONSIGLIERE TOSCANO: “C’E’ UN MERCATO PARALLELO ED ABUSIVO DEL PESCE”

A Trapani ci sono tre mercati del pesce. Tutti a poca distanza l’uno dall’altro. C’è il mercato al minuto, quello all’ingrosso ed il mercato parallelo degli abusivi. L’ha denunciato, in aula, il consigliere Massimo Toscano: “La situazione è grave e mi auguro, e sono sicuro che lo farà, che l’amministrazione Tranchida, così come ha fatto a Piazza Vittorio, possa intervenire, cosa che non hanno fatto gli altri, per tutelare chi rispetta le norme”. La condizione del mercato all’ingrosso, delineata da Toscano, è da allarme rosso. La struttura di Via Cristoforo Colombo è sotto assedio. E’ gestita dall’Organizzaione dei Produttori della Pesca che da tempo segnalano la presenza di un mercato parallelo. “Ci sono – ha sottolineato Toscano – le relazioni di OP, ma quel che lascia davvero esterefatti è la consapevolezza di Comune e degli enti che dovrebbero controllare e vigiliare che la situazione è fuori dalle regole. Dal mercato all’ingrosso passa soltanto il 16% del pescato che viene commercializzato. Il resto segue altri canali e si svolge nell’area portuale. OP ha presentato istanze alla Prefettura, alla Capitaneria di Porto, al Comune, anche con riscontri fotografici ma finora non ha ottenuto alcuna risposta. Il danno economico è incalcolabile. O meglio, ha già determinato la riduzione di personale da 8 a 2 dipendenti. Di questa vicenda, negli anni, se n’è occupato anche il collega Andrea Vassallo. Ma ora è arrivato il momento di essere tutti dalla stessa parte ed a difesa di chi lavora rispettando le norme. I controlli sono stati fatti soltanto nei primi mesi. La convenzione tra OP ed il Comune è del 2010. L’Organizzazione dei Produttori ha investito nel mercato all’ingrosso, che è stato realizzato con un finanziamento di 800 mila euro. Si tratta di una eccellenza di questa città. Il mercato ittico di Siracusa è stato progettato e realizzato avendo come esempio quello di Trapani. Loro sono riusciti poi ad ottenere un finanziamento di 3 milioni di euro ed hanno anche realizzato un punto di ristorazione. Ma è stato il nostro mercato ad essere stato preso come punto di riferimento. OP ha aggiunto servizi aggiuntivi, la pesatura, il ghiaccio, l’etichettatura che dà garanzie sulla provenienza del pescato, cosa che difficilmente si potrà avere dal mercato degli abusivi. E’ necessario un intervento immediato del Comune e di tutti gli enti che sono preposti al controllo ed alla vigilanza. Non possiamo far passare il messaggio che è meglio non rispettare le norme per lavorare”.

Commenti

commenti