• Home »
  • Sport »
  • MONOPOLI-TRAPANI 0-0. I GRANATA DEVONO ACCONTENTARSI. POTEVA ANDARE MEGLIO

MONOPOLI-TRAPANI 0-0. I GRANATA DEVONO ACCONTENTARSI. POTEVA ANDARE MEGLIO

Monopoli-Trapani 0-0

Monopoli: Pissardo; Rota, De Franco Mercadante; Fabris (66′ Ferrara), Zampa, Scoppa, Sounas (80′ Paolucci), Donnarumma; Manghi (53′ Gerardi), De Angelis (53′ Berardi). Allenatore Scienza

Trapani: Dini; Garufo, Mulè, Pagliarulo, Ramos; Aloi (72′ Costa Ferreira), Taugourdeau, Corapi (83′ Toscano); Ferretti (67′ Golfo), Evacuo (72′ NZola), Tulli (83′ Dambros). Allenatore Italiano.

Arbitro: Mario Vigile

Assistenti: Simone Teodori ed Enrico Montanari

Ammoniti: Ferretti (T), Fabris (M)

Angoli: 3-5

Recuperi: 1′ pt; 3′ st

Un punto che fa classifica ma il Trapani avrebbe potuto fare di più. Sul sinistro di Evacuo al 50′ una clamorosa palla-gol che l’attaccante granata ha sprecato in maniera incredibile. Tulli serve Aloi sulla fascia destra, il centrocampista granata mette alla palla in area che scavalca il portiere del Monopoli e finisce sulla traversa, arriva Evacuo che, a porta spalancata, colpisce male di sinistro e concede la palla a Pissardo che era a terra ed ormai battuto. Ancora al 59′ Trapani pericoloso con un doppio intervento provvidenziale di Pissardo che dice prima no ad un diagonale di Aloi appena entrato in area dalla destra. Palla in angolo. Al 78′ doppio intervento di Pissorio prima su NZola che, servito da Tulli, colpisce a botta quasi sicura ma il portiere dice no in tuffo e poi smanaccia la palla sull’accorrente Tulli che l’avrebbe messa dentro. All’inizio del secondo tempo una punizione di Corapi al 47′ scheggia la traversa con il portiere del Monopoli battuto. Al 51′ un gran destro di Garufo da fuori area costringe il portiere del Monopoli ad un altro intervento impegnativo ma decisivo per salvare la sua porta. Il rammarico del Trapani è tutto qui. Primo tempo sicuramente più equilibrato ma anche con poche occasioni da gol. Ci prova capitan Pagliarulo al 5′ su angolo di Garufo, ma il suo colpo di testa finisce fuori. Al 6′ buon suggerimento di Tulli per Evacuo che in area di rigore stoppa male la palla e consente alla difesa del Monopoli d’intervenire. Al 38′ è Corapi ad avere l’occasione per il vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma il suo destro non è preciso e finisce fuori. Il Monopoli ha giocato l’intera gara con l’obiettivo di non prenderle prima di tutto e mister Scienza ha raggiunto il risultato. I puglisi hanno avuto un buon momento dal 30′ al 32′. De Angelis si è letteralmente divorato un gol fatto in piena area di rigore su un cross di Donnarumma. Manghi colpisce invece male dopo un’azione personale che gli aveva consentito di saltare Pagliarulo e di entrare in area di rigore. Nel secondo tempo per avere notizie del Monopoli nell’area di rigore del Trapani è necessario attendere il 75′ con una combinazione tra i due nuovi entrati Berardi e Gerardi. Il primo si libera e mette in area dalla destra, l’altro colpisce di testa da una posizione importante ma non riesce ad indirizzare la palla in rete. Per il resto poco o nulla da segnalare in casa Monopoli che si porta a casa un punto importante e pesante. Il Trapani avrebbe meritato la vittoria – sarebbe stata la quinta consecutiva – ed invece deve accontentarsi di un pareggio che comunque fa classifica.

Il 4-3-3 di mister Italiano

Il tecnico granata conferma il modulo base ma mescola un po’ le carte. Lancia nella mischia il rientrante Garufo nel suo ruolo di esterno destro difensivo. Il difensore granata ripaga la fiducia di Italiano con una gara attenta e dando equilibrio e maggiore serenità al reparto arretrato della squadra di mister Italiano. Più avanti, sempre sulla fascia destra, gioca dal primo minuto Ferretti. Tulli va a sinistra e Golfo parte dalla panchina. A centrocampo mister Italiano ripropone una formula già conosciuta: Aloi, Taugourdeau e Corapi. Le sostituzioni, nel secondo tempo, Golfo per Ferretti, Costa Ferreira per Aloi, NZola per Evacuo e nella parte finale della gara, Toscano per Corapi e Dambros per Tulli tengono fede al modulo. Ma non riescono a dare quel valore aggiunto che Italiano auspicava per cambiare le sorti della partita.

Gli avversari

L’importante era non perdere e mister Scienza ha raggiunto la meta. Per vincere contro questo Trapani il Monopoli avrebbe dovuto fare di più. Quando i pugliesi sono entrati in partita e soprattutto sono stati pericolosi non si può certo dire che sia stato merito loro ma demerito del Trapani che ha anche dovuto prendere fiato. Il pressing alto che vuole Italiano chiama i suoi giocatori ad uno sforzo supplementare in alcune fasi della gara.

Commenti

commenti