TRAPANI, RUBA RAME ALL’OSPIZIO MARINO ED I CARABINIERI LO ARRESTANO

E’ ormai da tempo terra di nessuno. L’Ospizio Marino al Ronciglio. La struttura è preda di vandali e di poco di buono. Anche di chi ha pensato di guadagnarci qualcosa. Come Agostino Piacentino (38 anni) che è stato arrestato dai Carabinieri per furto di rame. L’hanno fermato in “attività di servizio”, mentre era intento a rubarne più che poteva. Ma non ha fatto i conti con una pattuglia che controllava la zona e che si è insospettita perché s’alzava del fumo nella zona del Ronciglio e nei pressi dell’Ospizio. Meglio dare un’occhiata. Ed è quel che hanno fatto i Carabinieri. Nel primo pomeriggio dello scorso 2 ottobre si recavano sul posto e notavano la presenza di un uomo che provava a spegnere il fuoco. Era Piacentino che, alla vista, della pattuglia ha pensato bene di darsi alla fuga. Gli è stato però consentito di fare pochi passi. I carabinieri l’hanno bloccato ed immobilizzato. Hanno poi potuto verificare che a bruciare erano dei cavi elettrici che lo stesso Piacentino aveva rubato dall’Ospizio per recuperare il rame. S’era portato dietro 100 chili di materiale che in parte aveva già bruciato e che in parte era ancora da bruciare. L’uomo era arrivato all’Ospizio con la sua auto. La perquisizione dei Carabinieri consentiva di trovare 2 matasse di rame già privo della guaina in gomma ed anche degli attrezzi da taglio. Tutto materiale posto a sequestro. Per Piacentino prima di “domiciliari”, poi il rito per direttissima, con la convalida dell’arresto e la misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Piacentino Agostino

Agostino Piacentino

.

 

Commenti

commenti