TRAPANI, GETTONE DI PRESENZA “RIDOTTO” DAL CONSIGLIO

Il capogruppo di “Demos-Cambiamenti” Peppe Pellegrino l’ha definito “un atto dovuto”. La consigliera del Movimento Cinquestelle Francesca Trapani ha annunciato una mozione – da far condividere all’aula – per una ulteriore riduzione del 10%. I rappresentanti di “Trapani Tua” Alberto Mazzeo e di “Giovani Movimenti” Giuseppe Lipari l’hanno invitata a non fare demagogia. Il consiglio ha approvato il nuovo gettone di presenza. Poco più di 34 euro per ogni seduta consiliare o di commissione. La delibera non ha potuto far altro che prendere atto della scelta della Regione di adeguarsi alla normativa nazionale che pone una serie di parametri tecnici per definire indennità e gettoni di presenza. L’atto deliberativo è stato votato favorevolmente all’unanimità dei presenti e reso immediatamente esecutivo. “Applicheremo autonomamente una ulteriore riduzione del 10% che sarà versata in un fondo privato pr fare alcune cose e risolvere qualche problema. Ma invitiamo, fin d’ora, le commissioni ad occuparsi di questa riduzione per proporre un atto d’indirizzo per determinare un fondo sociale e per dare una risposta dell’intero consiglio”. “La riduzione proposta è irrisoria, mi chiedo perchè non propporre di devolvere l’intero gettone in occasioni particolari”, ha replicato Mazzeo. Solidale ma critico con la proposta grillina, il capogruppo Lipari: “Non è questa l’occasione per discuterne. Potevate farlo in altre circostanze. Qui siamo chiamati ad approvare un atto deliberativo, non a fare proposte per la gestione dei gettoni. Per quanto mi riguarda, farei il consigliere anche gratis, di conseguenza sono solidale con la proposta di ulteriore riduzione del gettone”.

Commenti

commenti