• Home »
  • Attualità »
  • VALDERICE, SINDACO SPEZIA: “VI DICO IO COME STANNO LE COSE SULLA MIA RICANDIDATURA”

VALDERICE, SINDACO SPEZIA: “VI DICO IO COME STANNO LE COSE SULLA MIA RICANDIDATURA”

Indiscrezioni, illazioni, dubbi, strumentalizzazioni che il sindaco di Valderice Mino Spezia ha voluto affrontare, a viso aperto, per fare chiarezza sulle dinamiche politiche che stanno accompagnando l’avvio della campagna elettorale per le Comunali di giugno. Il suo chiarimento parte da un punto: “Non ho ritirato la mia candidatura a sindaco. Ho soltanto chiesto al mio partito ed agli alleati di aprire una discussione su ciò che è meglio per Valderice. Aver fatto il sindaco per cinque anni, bene e con risultati alla mano, non autorizza nessuno ad imporre scelte e soluzioni”. Ed ancora: “Il mio ragionamento è stato sempre coerente e non ci sono dietrologie da assecondare. Ho annunciato la mia disponibilità a ricandidarmi, accompagnandola con un’ulteriore disponibilità, quella a partecipare ad eventuali primarie. Preso atto che non c’erano le condizioni per svolgerle si è aperta una nuova fase di riflessione, ancora in corso, e senza una presa di posizione definitiva, che punta a valutare cosa sia più necessario per dare continuità e solidità al progetto di governo della città di Valderice”. Spezia affonda il colpo ad uso e consumo del confronto politico cittadino: “Sono e sarò in prima linea. Nessun passo indietro, dunque. Il mio impegno in politica rimane con qualsiasi ruolo, funzione e responsabilità. Il lavoro in atto punta ad una scelta collegiale che sia la più vicina alle esigenze del nostro territorio”. Spezia prova poi a mettere a tacere l’illazione più dura da digerire: “Non ci sono strategie che possono interessare altri Comuni che andranno al voto il 10 giugno. Non ci sono manovre per sacrificare qualcuno o qualcosa per obiettivi più importanti o addirittura per manovre di potere”. Il riferimento è alle Comunali di Trapani ed alla candidatura a sindaco di Giacomo Tranchida. La dietrologia, nata in paese, avrebbe collegato il passo indietro di Spezia ad una manovra elettorale per favorire Tranchida a Trapani. Dunque, un candidato sindaco a Valderice funzionale all’impegno elettorale di Tranchida a Trapani nel gioco delle alleanze e dei voti. Spezia, sul punto, è categorico: “Le uniche manovre in corso sono quelle di chi teme che dal nostro confronto e dal nostro dibattito possa emergere una nuova fase che oltre a valorizzare il lavoro svolto punti a nuovi obiettivi mettendo a tacere inutili personalismi e velleità legate soltanto ad interessi di parte”.

 

Commenti

commenti