• Home »
  • Attualità »
  • EGADI, CITTADINANZA ONORARIA AL PROFESSOR TUSA CHE VIENE “SILURATO” DA SGARBI PER IL SUO INGRESSO NELLA GIUNTA MUSUMECI

EGADI, CITTADINANZA ONORARIA AL PROFESSOR TUSA CHE VIENE “SILURATO” DA SGARBI PER IL SUO INGRESSO NELLA GIUNTA MUSUMECI

Mentre il consiglio comunale di Favignana decide di conferirgli la cittadinanza onoraria, Vittorio Sgarbi, ex assessore regionale alla Cultura, prova a silurare la sua nomina nel governo Musumeci. Mai come in questi giorni i riflettori della politica e della cronaca sono stati puntati sul professore Sebastiano Tusa. Voto unanime dell’assemblea consiliare. “Nei prossimi giorni – si legge in una nota del Comune – verrà comunicata la data della cerimonia pubblica in cui verrà formalmente conferita la cittadinanza”. I suoi studi e le sue ricerche sulla Battaglia delle Egadi hanno portato al ritrovamento dei Rostri, che sono stati esposti nei Musei di tutto il mondo. Alla prossima cittadinanza onoraria si affianca però la polemica di Sgarbi che lascia intendere che la nomina, ormai imminente, di Tusa, al suo posto, è una scelta di Miccichè e di Forza Italia e non del Presidente Musumeci che finirebbe soltanto per formalizzare un atto politico ed amministrativo voluto e deciso da altri. “Gli auguro tanto successo, ma la sua indicazione è stata concordata con Miccichè già il 14 marzo, due giorni prima della telefonata di Musumeci”. E’ il siluro di Sgarbi che aggiunge: “La scelta dell’assessore spetta a Forza Italia e io, correttamente, l’ho condivisa con il presidente dell’Assemblea regionale siciliana e leader del partito Gianfranco Miccichè, che me ne parlò alla prima comunicazione dei deputati a Montecitorio, cioè il 14 marzo, ben due giorni prima della data del 16 marzo indicata da Tusa come riferimento temporale della telefonata con Musumeci. Tanto si doveva per completezza d’informazione”. Di conseguenza, la nomina di Tusa sarebbe in quota a Forza Italia e con l’avallo dello stesso Sgarbi. Il Presidente Musumeci non avrebbe dunque avuto alcun ruolo e soprattutto non avrebbe esercitato la sua autonomia nella scelta.

Commenti

commenti