PACECO, RUGGIRELLO RITIRA LA SUA CANDIDATURA A SINDACO DEL PD

Si ferma quo Stefano Ruggirello. Ritira la sua candidatura a sindaco di Paceco e si prepara all’assemblea degli iscritti del prossimo 4 aprile che però dovrà cambiare ordine del giorno. Era stata convocata per fare chiarezza sulla candidatura di altro esponente Dem, Filiberto Reina, proposta da una parte della coalizione che sostiene l’attuale sindaco Biagio Martorana. Il Pd aveva scelto, lo scorso 21 gennaio, Ruggirello ma da quel momento la sua candidatura a sindaco e la sua disponibilità a partecipare ad eventuali primarie di coalizione erano finite sotto tiro sia all’interno del Pd che nel resto dello schieramento. Ruggirello ha tenuto botta fino ad oggi, ma ora con una sua nota ufficiale ha deciso di fare un passo indietro. La sua rinuncia, oltre che essere ufficiale, è anche “irremovibile”. Ed a quel 21 gennaio che fa riferimento l’ex vicesindaco: “Da quel 21 Gennaio ad oggi innumerevoli e in alcuni casi spiacevoli accadimenti, hanno determinato tale decisione. Non ritengo alla stato attuale, di poter accettare di rappresentare un partito che al suo interno deve risolvere questioni ben più importanti della scelta di un candidato a sindaco.Alle radici di ciò, una questione etica e morale che desidero affrontare nella sede preposta il giorno 4 aprile, scevro da qualunque ruolo assegnatomi, in un ottica costruttiva che non sarebbe facile sincronizzare con i valori interiori ed esteriori che mi impongono il rispetto delle regole e dei precetti in generale”. Rinuncia dunque alla corsa ma non a dare battaglia nel partito: “E’ certo che Il mio impegno volto alla crescita del dialogo, alla massima condivisione, allo sviluppo in ogni sua forma, non verrà mai meno, al di là del ruolo che la comunità di Paceco vorrà affidarmi”.

Commenti

commenti