VALDERICE, SPEZIA: “GLI EX DI UNITI PER IL FUTURO MENTONO SAPENDO DI MENTIRE”

Il sindaco di Valderice Mino Spezia non molla la presa e risponde, colpo su colpo, alle critiche del gruppo degli ex Uniti per il Futuro. Le replica è durissima: “Mi dispiace dover tornare sull’argomento ma le motivazioni che il gruppo degli ex Uniti per il Futuro indica per sostenere la decisione unilaterale di lasciare la maggioranza finiscono per essere un ulteriore capo d’accusa politico nei loro confronti. Si fanno male da soli perché sono lontani anni luce da un confronto intellettualmente onesto”. Spezia entra nel merito dal caso primarie, richiamato dalla nota degli ex Uniti per il Futuro: “Il sottoscritto avrebbe voluto primarie di comodo? Per fare cosa? Sono il sindaco uscente. Avrei potuto proporre la mia ricandidatura senza alcun ulteriore passaggio politico. Ho dato la mia disponibilità alle primarie di coalizione per consentire a tutte le componenti della maggioranza di poter esprimere liberamente anche una loro eventuale candidatura. Non potevo accettare manovre che avevano soltanto l’obiettivo di far saltare maggioranza e coalizione”. Il sindaco censura anche la rottura sul progetto: “Gli ex Uniti per il Futuro dicano quando non c’è stata disponibilità da parte mia a parlare di progetti per la Città. Dicano quando alle questioni amministrative è stata preferita la discussione politica o per la gestione del potere. Mentono sapendo di mentire perché la loro manovra è stata scoperta e denunciata ed ora la loro credibilità è pari a zero”. Fuoco di fila anche su tre punti che gli ex Uniti per il Futuro hanno tirato in ballo: piano regolatore, porto e canile. “Risibili – sottolinea Spezia – le critiche all’azione di governo che hanno condiviso fino a qualche giorno fa. Per quanto riguarda il Piano regolatore generale è stato fatto un notevole ed importante passo avanti con gli incarichi per gli studi agricolo-forestale e geologico. Sul porto sarei stato più cauto. Siamo stati chiamati ad intervenire per superare gli errori che loro stessi avevano commesso quando erano in Giunta con la precedente Amministrazione e stiamo lavorando ad un nuovo progetto. Sulle responsabilità del passato sarà l’ufficio legale a valutare l’opportunità di un’azione civile. Le critiche sul canile sono ampiamente pretestuose perché siamo soltanto in attesa del via libera da parte dell’Assessorato regionale al Territorio ed Ambiente”. Il sindaco conclude la sua replica rimandando il confronto in campagna elettorale ed indicando quale è e sarà la sua priorità: “Avremo comunque una lunga ed interessante campagna elettorale per confrontarci. Ci tengo a precisare ed a ribadire che la mia azione politica ed amministrativa è stata, è e sarà diretta alla soluzione dei problemi del nostro territorio. Prima di tutto e su tutti ci sono i cittadini ed è con questo spirito di servizio che continuerò ad impegnarmi per la mia gente”.

Commenti

commenti