TRAPANI, REFERENDUM PER IL COMUNE DI MISILISCEMI. SI VOTA IL 27 MAGGIO

Si vota il 27 maggio. Ed il quesito referendario sarà il seguente: “Volete le contrade corrispondenti al territorio dell’ex contrade F0ntanasalsa, Guarrato, Rilievo, Locogrande, Marausa, Salinagrande, Palma, e Pietretagliate del Comune di Trapani, siano elette in Comune autonomo con la denominazione di Comune Autonomo di Misiliscemi?”. Nel decreto firmato dal commissario straordinario del Comune di Trapani Francesco Messineo si entra nel merito dell’organizzazione del referendum consultivo: “Le operazioni di voto si svolgeranno dalle ore 7,00 alle ore 22,00 del 27 maggio con successivo immeditato svolgimento delle operazioni di scrutinio”. Il decreto regionale d’indizione del referendum è stato pubblicato lo scorso 2 febbraio sulla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana. Le legge in materia recita che il capo dell’Amministrazione indica la consultazione referendaria “in una domenica compresa tra il sessantesimo ed il centoventesimo giorno successivo alla pubblicazione del decreto dell’Assessore regionale per gli Enti Locali che autorizza la consultazione”. Potranno votare tutti gli elettori del Comune di Trapani ed i risultati della consultazione – si legge nel decreto – dovranno essere “distintamente raccolti e valutati con riguardo all’ambito del territorio di cui si chiede il distacco e con riguardo al restante ambito comunale”. In particolare, “i risultati del referendum, ai fini del quorum strutturale, sono distintamente raccolti e valutati con riguardo all’ambito della frazione di cui si chiede il distacco e con riguardo al restante ambito comunale. In tal caso, il referendum è valido se vota uno dei due ambiti. Nel caso in cui  in entrambi gli ambiti si raggiunge il quorum strutturale, il risultato valutabile è quello complessivo”.  Il Comune di Misiliscemi avrebbe il 12,46% della popolazione trapanese ed il 34,22% del territorio comunale.

Commenti

commenti