• Home »
  • Attualità »
  • BIRGI, SALERNO: “SITUAZIONE DRAMMATICA. FORSE E’ MEGLIO PENSARE ALLA PROSSIMA STAGIONE”

BIRGI, SALERNO: “SITUAZIONE DRAMMATICA. FORSE E’ MEGLIO PENSARE ALLA PROSSIMA STAGIONE”

Una manciata d’azioni ma utile per poter partecipare all’assemblea dei soci di Airgest e per registrare un clima a dir poco preoccupante. Paolo Salerno, responsabile di una società di marketing e di pubblicità, impegnato nel settore turistico, ha voluto testimoniare – nell’incontro organizzato dal Comitato per il monitoraggio e la salvaguardia dell’aeroporto di Birgi – ciò che ha avuto di registrare nelle ultime riunioni dell’assemblea dei soci. “Un clima poco rassicurante, ha sottolineato. Salerno ha lasciato davvero pochi margini di manovra per la stagione estiva. “Forse – ha aggiunto – è meglio pensare alla prossima”. Ha poi voluto ricordare che “Palermo non voleva Ryanair. C’era Alitalia. Questi, gli irlandesi, che volevano soldi per volare da e per Palermo non erano ben visti. C’era pure Wind Jet, poi finita male. Ma quando l’Alitalia ha deciso di spostarsi su Catania e con la guerra in Libia, le cose sono cambiate per l’aeroporto di Palermo e nei rapporti con Ryanair che ora è un punto di riferimento dello scalo palermitano. Gli porta 2 milioni e mezzo di passeggeri sui 5 milioni circa che fa Palermo. E’ dunque cambiato tutto e dobbiamo prenderne atto”. Un proprietario di B&B, Fiodorov Scarcella ha criticato duramente la scelta del Presidente Musumeci di nominare un Cda di Airgest provvisorio in attesa dell’esito delle Politiche del 4 marzo: “Per fare turismo bisogna programmare. Quello di dirci, dovete attendere altri 30 giorni poi si vedrà dopo le elezioni è un atto scorretto. E come dire, con voi fino al 4 marzo non parlo perché ci sono le elezioni”. Ma per il sindaco di Erice Daniela Toscano “l’aeroporto è pane e va dunque difeso a tutti i costi”. Per il sindaco di Favignana e presidente del Distretto Turistico Peppe Pagoto serve “un tavolo tecnico, sempre con le stesse persone, senza passare da un dirigente all’altro e con dirigenti che decidono e che sanno cosa fare. Anche un accordo temporaneo con Palermo può essere utile”.

Commenti

commenti