• Home »
  • Attualità »
  • TRAPANI, BACINO DI CARENAGGIO. ODDO: “IN ATTESA DEL CGA PER ASSEGNARE L’AREA EX CNT”

TRAPANI, BACINO DI CARENAGGIO. ODDO: “IN ATTESA DEL CGA PER ASSEGNARE L’AREA EX CNT”

“La questione ex Cantieri Navali di Trapani è bloccata”. Il segretario regionale del Psi Nino Oddo ha avviato una serie di contatti con il Ministero dei Trasporti, in particolare con il viceministro Riccardo Nencini. L’area demaniale è stata assegnata alla “Marinedi”, ma pende al Consiglio di Giustizia amministrativa un ricorso della “Cantiere Navale Drepanum”. La vertenza sulla concessione si affianca al futuro del bacino di carenaggio galleggiante che si trova nei pressi dell’ex CNT. L’assessore regionale alle Attività Produttive Mimmo Turano ha chiesto l’annullamento o la revoca dell’affidamento dell’area. Richiesta formalizzata al presidente dell’Autorità Portuale di Sistema Sicilia Occidentale Pasqualino Monti. L’area ex CNT è del demanio marittimo mentre il bacino di carenaggio è della Regione che ha investito per il suo recupero, ormai arrivato alla fase finale. Senza un collegamento tra attività del bacino e dell’ex area CNT, la stessa struttura recuperata rischierebbe di essere inutilizzabile e costringerebbe la Regione a trasferirla in un altro porto. Da qui l’intervento di Turano che tuttavia non è stato sostenuto dagli ex lavoratori del Cantiere che, al contrario, hanno chiesto di accelerare le procedure per affidare l’area alla “Marinedi”. Le garanzie offerta dalla società su ciò che intende fare nell’area ex CNT hanno trovato il consenso degli ex lavoratori. Marinedi ha infatti assicurato che non ha alcuna intenzione di andare contro gli interessi del bacino e che è anche disponibile a partecipare al bando di assegnazione quando la Regione provvederà a definirlo ed a renderlo pubblico. Oddo, in missione romana, ha fatto il punto della situazione: “C’è il ricorso pendente allo CGA e di conseguenza non si può fare nulla in questa fase. Devo anche evidenziare che da parte del Ministero non c’è alcuna intenzione di passare ad una revoca della gara così come richiesto dalla Regione. E’ una ipotesi che, allo stato, non viene presa in considerazione”.

Commenti

commenti