• Home »
  • Attualità »
  • RIFIUTI, PRESIDENTE SRR “TRAPANI NORD” SPEZIA: “LA REGIONE DICA COSA VUOLE FARE. NOI PRONTI A COLLABORARE”

RIFIUTI, PRESIDENTE SRR “TRAPANI NORD” SPEZIA: “LA REGIONE DICA COSA VUOLE FARE. NOI PRONTI A COLLABORARE”

“La nostra parte la stiamo facendo fino in fondo, ma non basta. E’ la Regione che deve dire come intende gestire il sistema di raccolta e di smaltimento dei rifiuti”. Il presidente della SRR “Trapani Nord” Mino Spezia, a 24 ore, dall’audizione in Quarta Commissione all’Assemblea regionale siciliana fa il punto della situazione e chiama in causa il governo siciliano. “La nostra SRR – sottolinea – ha portato a termine un risultato fondamentale. L’aggiudicazione definitiva dell’appalto da 230 milioni di euro – appalto importante e significativo – per mettere a regime una raccolta dei rifiuti più efficiente, che consentirà anche un migliore smaltimento. Puntiamo a partire dal prossimo mese di giugno, ma al massimo sarà necessario attendere settembre. Gli incontri con i Comuni della SRR sono stati avviati ed affiancati dal confronto sul personale e su mezzi ed attrezzature. Il piano d’intervento punta decisamente a consolidare e migliorare la raccolta differenziata. E’ l’unica soluzione che, nel medio e lungo periodo, potrà consentire di evitare la saturazione delle discariche che sono già piene e rappresentano una emergenza continua”. Spezia anticipa cosa andrà a dire in Quarta Commissione: “C’è bisogno di una sinergia costante tra le SRR e la Regione. Una sinergia che passa dal confronto con i Comuni. I sindaci sono in prima linea perché quando i rifiuti rimangono per strada i cittadini non possono che prendersela con noi, anche se il sistema delle responsabilità è ben più ampio e soprattutto va verso altri interlocutori. La nostra gara, vale per i prossimi 7 anni, è un investimento per il futuro perché rappresenta un atto che punta alla programmazione e che tenta di uscire dalla logica emergenziale che, ancora oggi, ci appartiene. Siamo pronti a collaborare con la Regione che però deve dirci, con chiarezza, quale percorso intende seguire per trasformare, con i fatti e non più soltanto a parole, i rifiuti da problema in risorsa”.

Commenti

commenti