• Home »
  • Sport »
  • SIRACUSA-TRAPANI 2-2, NON BASTA LA DOPPIETTA DI MURANO. VENERDI’ ARRIVA LA CAPOLISTA LECCE

SIRACUSA-TRAPANI 2-2, NON BASTA LA DOPPIETTA DI MURANO. VENERDI’ ARRIVA LA CAPOLISTA LECCE

Siracusa-Trapani 2-2

RETI: Visconti (aut) 14’ pt, Murano 44’ pt, Murano 8’st, Scardina 39’st

Siracusa: Tomei, De Vito, Catania, Scardina, Daffara, Spinelli, Parisi (29’st Mangiacasale), Liotti, Mancino (18’st Sandomenico), Magnani, Toscano. A disposizione: D’Alessandro, Bernardo, Palermo, Di Grazia, Giordano, Plescia, Vicaroni, Mucciante, Mazzocchi, Grillo. All. Paolo Bianco

Trapani: Furlan, Rizzo (39’ Bajic), Taugourdeau (19’st Girasole), Legittimo, Bastoni, Reginaldo, Murano (19’st Dambros), Fazio, Maracchi (41’st Canino), Visconti, Marras. A disposizione: Pacini, Ferrara, Evacuo, Silvestri, Minelli, Culcasi. All. Alessandro Calori

Arbitro: Simone Sozza di Seregno; assistenti: Marco Trinchieri di Milano e Antonio Vono di Soverato

Note: Ammoniti Toscano, Scardina nel Siracusa – Fazio, Legittimo nel Trapani; Recuperi: 7’pt-3’st; Corner: 6-4

La sintesi. Pareggio amaro ma giusto per il Trapani. Sarebbe un buon punto, viste le premesse: squadra con tanti infortunati e con difesa da inventare, derby fuori casa e squadra reduce da una brutta sconfitta in casa con il Cosenza (2-1). Ma letti gli altri risultati, con il Lecce e Catania che non si fermano è una mezza battuta d’arresto. Soprattutto perché i granata, pur giocando a tratti male, erano riusciti ad essere quel che dovrebbero essere sempre: cinici e pronti a sfruttare gli errori degli avversari. Ed i due gol di Murano sono figli di una squadra attenta che ha colpito quando era giusto colpire. Ma anche i due gol presi sono figli di una squadra già vista in altre occasioni. Evitabili tutti e due. Il primo, che porta il Siracusa in vantaggio è un autogol di Visconti che poteva intervenire meglio e con maggiore vitalità. Andare sotto dopo 14′ poteva essere determinante. Il Trapani è comunque riuscito a rimanere in partita anche se la gara l’ha fatta il Siracusa, sfruttando soprattutto la sua fascia sinistra. Ma allo scadere del primo tempo Murano ci ha messo una pezza con un tiro secco che non ha lasciato scampo a Tomei. Quel che ci voleva per allentare la pressione dei padroni di casa. Poi il capolavoro al 53′ del secondo tempo con il secondo gol di Murano, quasi una fotocopia del primo. Ed è lo stesso Murano che qualche minuto dopo ha la palla del Ko ma è troppo egoista e non vede che in area di rigore, assieme a lui, ci sono Marras e Reginaldo liberi. Il Trapani continua a sbagliare tanto, ed il Siracusa continua a pungere sulle fasce ma con il passare del tempo si fa sempre meno veloce e pericoloso. Ma da un mezzo pasticcio in area arriva il pareggio di Scardina, quanto mai fortunato a riprendere una palla che danza dentro l’area di rigore dei granata. Dopo succede poco perchè le due squadre puntano più a non prenderle che ad attaccare. Il Trapani, dopo la sostituzione di Rizzo con Bajic si mette a quattro in difesa e finisce per essere più equilibrato. Prima della gara un minuto di silenzio per la morte prematura della figlia di capitan Pagliarulo, altra assenza che ha pesato sulla gara dei granata che hanno poco tempo per riposarsi perché venerdì prossimo arriva il Lecce per la seconda di ritorno, prima della pausa di gennaio. I pugliesi sono avanti di 8 punti e per il Trapani non c’è dunque che un risultato, la vittoria che comunque è alla portata dei granata.

Secondo tempo. Murano micidiale. Al 53′ porta il Trapani in vantaggio con un altro tiro dal limite dell’area su un suggerimento di Marras. Buon momento per i granata con Marras che di destro manda la palla fuori. Al 58′ contropiede micidiale dei granata ma Murano spreca tutto appena entrato in area di rigore, prova a fare tripletta ma dimentica Reginaldo e Marras soli in area di rigore. Un minuto dopo il Siracusa risponde con un colpo di testa di Scardina che finisce sul palo con una deviazione di Furlan. Cominciano le sostituzioni per il Siracusa. Dentro Sandomenico per Mancino, mentre Calori fa rifiatare Murano e Taugourdeau sostituendoli con Dambros e Girasole. Al 68′ Sandomenico ha la palla del pareggio ma tutto solo in area manda fuori. Nuova sostituzione per il Siracusa, con Mangiacasale al posto di Parisi. Al 79′ ex granata Spinelli prova a sorprendere Furlan con un tiro a giro che finisce fuori. Al 83′ Mangicasale ci prova appena entrato in are ma Furlan lo ferma di pugno. All’84’ il gol del pareggio di Scardina. Gol rocambolesco. Scardina tira e sbaglia, la palla arriva nella zona di Mangiacasale che tira a sua volta ma il suo tiro viene deviato dalla difesa granata, ma la palla torna a Scardina che questa volta non sbaglia. All’86’ Maracchi esce ed al suo posto entra Canino. Cambia poco fino alla fine della gara, che si conclude con 3′ di recupero.

Primo tempo. Tanto Siracusa e poco Trapani. Ma per i granata conta soltanto il risultato ed al termine della prima frazione di gioco il pareggio per 1-1 non può che soddisfare la squadra di Calori. Il Trapani si presenta con assenze pesanti. Fuori Silvestri per infortunio. Fuori Palumbo per squalifica. Fuori capitan Pagliarulo per il lutto che l’ha colpito in settimana – la morte prematura della figlia – e Steffè per infortunio. Calori non cambia modulo, rimane fermo sul 3-5-2 e si affida a difesa a Fazio, Legittimo e Visconti. Il primo soffre sulla fascia le folate offensive di Mancino, Legittimo non si trova a suo agio al centro della difesa e Visconti concede il vantaggio al Siracura al 14′ con una autorete che si poteva evitare su un cross di Liotti, lanciato in area di rigore dalla sinistra da parte di Mancino, che ha fatto quel che ha voluto nella prima frazione di gioco. Il Trapani prende pochi palloni a centrocampo. Marras sulla destra è ben contenuto. Maracchi e Bastoni fanno solo quantità, buona invece la gara del francese Taugourdeau che prova a dare qualche idea alla sua squadra e prova a fare male dalla distanza in due occasioni. La cronaca dice che al 2′ Reginaldo vuole davvero troppo dal suo tacco dopo una buona combinazione Taugourdeau-Marras, ma il colpo del brasiliano è debole e prevedibile e Tomei para. Il Siracusa risponde con Mancino, il suo sinistro finisce fuori. Al 10′ ancora Siracusa, tiro-cross di Catania, ma Scardina e Parisi arrivano in ritardo. Al 12′ Mancino lancia Catania, testa di Scardina in area ed ancora Catania che però finisce in fuorigioco e la palla fuori. Al 13′ Mancino via sulla fascia sinistra ma il suo cross viene deviato in angolo. Al 14′ la pressione del Siracusa porta all’autorete di Visconti. Il Trapani sembra sulle gambe, frastornato. Al 15′ i fumogeni dei tifosi del Trapani e poi del Siracusa con Furlan che si accascia al suolo fermano la gara per qualche minuto. Si riprende ancora con il Siracusa pericoloso con Parisi ma il suo diagonale viene deviato in angolo. Al 19′ di gioco effettivo Taugourdeau mette la palla sulla testa di Reginaldo che però gira male in rete. Al 20′ Parisi dalla distanza, para Furlan. Al 21′ gran tiro di Taugourdeau che Tomei para in due tempi. Tre minuti dopo è sempre il francese a colpire dalla distanza sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma la palla va fuori. Al 39′ Catania colpisce in diagonale ma il Trapani si salva in angolo. Al 40′ si fa male Rizzo e mister Calori deve operare la prima sostituzione, mandando in campo Bajic. Al 42′ tiro a giro di Toscano, palla fuori. Al 44′ il pareggio del Trapani con Murano che non ci pensa una sola volta dal limite dell’area fa partire un destro che Tomei non può che raccogliere in rete. Al 49′ Murano prova a sorprendere il portiere del Siracusa ma il suo tiro a giro finisce fuori. Al 53′ è invece Catania ad anticipare Legittimo di testa ma non inquadra la porta.

20° giornata (1° ritorno)

Siracusa-Trapani 2-2

Lecce-Virtus Francavilla 4-0

Bisceglie-Paganese 3-1

Casertana-Catanzaro 2-1

Cosenza-Monopoli 2-0

Fondi-Catania 1-3

Juve Stabia-Andria 3-0

Reggina-Rende 0-3

Akragas-Matera 1-1

Riposa: Sicula Leonzio

CLASSIFICA: Lecce 44 punti; Catania 41; Trapani 36; Siracusa 32; Juve Stabia, Virtus Francavilla, Matera, Rende 28; Cosenza, Bisceglie 26; Catanzaro 24; Monopoli 23; Fondi 21; Sicula Leonzio 19; Casertana, Reggina 18; Paganese 16; Andria 15; Akragas 10.

Prossimo turno:

Trapani-Lecce

Catania-Casertana

Matera-Sicula Leonzio

Monopoli-Fondi

Andria-Siracusa

Catanzaro-Reggina

Paganese-Cosenza

Rende-Akragas

Virtus Francavilla-Bisceglie

Riposa: Juve Stabia

Commenti

commenti