TRAPANI-CATANIA 2-0, GRANDE PROVA DELLA SQUADRA DI CALORI

Trapani-Catania 2-0

Reti: Silvestri 29’ pt, Reginaldo 42’ pt

Trapani: Furlan, Rizzo, Evacuo (27’st Murano), Reginaldo, Fazio, Silvestri (34’st Legittimo), Steffè, Maracchi, Palumbo (34’st Bastoni), Visconti, Marras (48’st Bajic). A disposizione: Pacini, Ferrara, Taugourdeau, Canino, Girasole, Culcasi. All. Alessandro Calori

Catania: Pisseri, Aya, Tedeschi, Caccetta (9’st Di Grazia), Lodi, Curiale, Semenzato (9’st Russotto), Marchese, Bogdan, Biagianti (31’st Ripa), Mazzarani. A disposizione: Martinez, Bucolo, Fornito, Manneh, Esposito, Lovric, Rossetti, Correia. All. Cristiano Lucarelli

Arbitro: Alessandro Prontera di Bologna

Assistenti: Daniele Marchi di Bologna e Alessio Saccenti di Modena

RETI: Silvestri 29’, Reginaldo 42’

NOTE: Ammoniti Rizzo, Reginaldo, Bastoni nel Trapani – Curiale, Marchese, Lodi nel Catania; Recuperi: 0’pt-4’st; Corner: 4-11; Spettatori: 4.959

 

 

Il Trapani fa la partita perfetta ed aggancia un gran bel Catania. Una gara di alto livello per una cornice di pubblico straordinaria. Le due tifoserie che si rispettano e che tifano soltanto per la propria squadra e due squadre che hanno pensato soltanto a giocare a calcio. Ha vinto prima di tutto lo sport stasera al Provinciale e poi anche i granata che fanno un altro balzo in avanti. Trapani cinico, che sa soffrire ma colpisce alla prima disattenzione del Catania. Gli ospiti provano, e ci riescono, a prendere il centrocampo. Con Lodi in cattedra a dettare i tempi della sua squadra e con Caccetta, Biagianti e Semenzaro a tentare di avere la superiorità numerica. Nei primi minuti le due squadre si studiano e si rispettano. Al 7′ ci prova Mazzarani ma il suo tiro finisce fuori. Al 17′ scorre un brivido sulla “schiena” del Provinciale, il Trapani cincischia a centrocampo e concede una punizione da buona posizione a Lodi che però non inquadra la porta. Al 21′ ancora Catania con un colpo di testa, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, di Aya che Furlan manda in corner con la punta delle dita. Ma proprio quando il Catania sembra prendere il sopravvento arriva il gol del Trapani, del difensore goleador Silvestri che sugli sviluppi di un calcio d’angolo mette la palla in rete di testa anticipando tutti. Esplode il Provinciale. Il Trapani è in vantaggio in una partita tiratissima. Gara che diventa ancora più equilibrata dopo il gol di Silvestri e con mister Calori che chiede ai suoi di non farsi schiacciare e di portare il pressing alto. Professionista nel settore, Reginaldo che corre come un ragazzino ma sempre con intelligenza mettendo pressione agli avversari. Gli dà manforte l’altro “vecchietto” granata, Evacuo che ingaggia anche una sfida con l’arbitro Prontera di Bologna, che non crede ai falli subiti dall’attaccante granata e spesso gli fischia contro. Ma al 42′ arriva il secondo gol dei granata. Evacuo allunga di testa per Reginaldo che, appena entrato in area di rigore, non ci pensa una sola volta e colpisce di destro, Pisseri prova a deviare, riesce a toccare la palla ma il tiro è forte e s’insacca alla sulla destra. Il Trapani ha raddoppiato e va al riposo con un risultato importante. Nel tunnel succede qualcosa ed il tecnico del Catania Lucarelli viene espulso,  non farà infatti ritorno in panchina. La protesta riguarderebbe un calcio di rigore non concesso su Semenzato che si è lamentato più volte durante la gara per l’episodio dubbio. Il secondo tempo fa registrare all’8′ l’ammonizione dell’ex Curiale che prende la palla con la mano in area di rigore granata. Un minuto dopo il Catania tenta il tutto e per tutto, dentro Di Grazia per Caccetta, altro ex applaudito dal Provinciale, e Russotto per Semenzato. Cambia poco nell’economia del gioco del Catania che prova ad affondare sulle fasce ma trova i granata sempre compatti ed uniti, con un superlativo Steffè a centrocampo e con Fazio che in fase difensiva non sbaglia un anticipo. Marras deve vedersela con Marchese che lo marca bene ma riesce comunque ad essere pericoloso sulla fascia destra. Al 12′ sinistro di Lodi che finisce fuori. Al 14′ Marchese scheggia la traversa con un sinistro di contro balzo sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Al 18′ Russotto mette in area per Curiale che colpisce di testa ma manda fuori. Il Catania preme ed il Trapani arretra il baricentro. Al 19′ ancora Marchese pericoloso con un colpo di testa che Furlan manda sopra la traversa. Al 25′ grande azione di contropiede del Trapani che allenta la morsa e si fa sentire in area avversaria, il cross di Rizzo mette Reginaldo a tu per tu con il portiere ma la difesa del Catania libera in mischia. Al 26′ si fa male Evacuo che viene sostituito da Murano. Al 30′ Mazzarani ci prova di sinistro ma la palla finisce fuori. Al 31′ ancora una sostituzione per il Catania che lancia nella mischia Ripa al posto di Biagianti. Al 32′ ammonizione per Marchese che fa saltare per aria Marras con uno sgambetto. Al 34′ è invece costretto ad uscire Silvestri, al suo posto Legittimo. Calori ne approfitta per fare rifiatare Palumbo che viene sostituito da Girasole e proprio quest’ultimo, un minuto dopo, in un’azione di alleggerimento del Trapani che si trasforma in un contropiede prova a sorprendere Pisseri di sinistro ma il tiro finisce fuori. E’ il momento di Girasole che al 39′ si becca anche un’ammonizione. Al 42′ Murano sfiora il terzo gol per il Trapani, il cross di Marras è invitante ma l’attaccante granata manda sulla traversa. Al 43′ Reginaldo va vicino al suo secondo gol su un appoggio di Murano ma poi spreca tutto. Il Trapani gioca in contropiede ed un minuto dopo Murano colpisce il palo con un tiro dal fronte sinistro dell’area del Catania, riprende la palla Marras che si accentra e prova un destro che va fuori di molto. Al 45′ Furlan salva su Ripa che colpisce bene di testa in area di rigore. L’arbitro Prontera concede 4′ di recupero. Mister Calori e approfitta per mandare in campo Bajic al posto di un esausto Marras, uscito dal campo con gli applausi del Provinciale. Non succede più nulla di eclatante fino al triplice fischio finale. Il Trapani vince 2-0, va a pari punti con il Catania ed è a -3 dal Lecce che in questa giornata osserva il turno di riposo. Granata a 34 punti. Mister Calori non ha sbagliato neanche una mossa. Ha confermato la difesa a tre, con Fazio, Silvetri e Visconti. Conferma anche per gli esterni Marras a destra e Rizzo a sinistra, centrocampo con Steffè a destra, Palumbo in cabina di regia e Maracchi, rientrato a sinistra. In avanti la coppia d’esperienza Evacuo-Reginaldo che ha fatto fino in fondo il suo dovere. La squadra di Calori continua a crescere e dimostra sempre di più personalità e gioco. Grande festa al Provinciale a fine gara e grande fair play tra le due tifoserie.

Commenti

commenti