ERICE, “CIVES” ROMPE CON IL VICESINDACO SALVATORE ANGELO

Le strade si dividono. Forse non si erano mai incontrate. Il Movimento “Cives” ha annunciato il suo “divorzio” dall’assessore e vicesindaco del Comune di Erice Angelo Catalano. E’ il segretario Piero Spina a spiegare i motivi dello strappo: “Il consigliere e vicesndaco Catalano non fa più parte dei soci del movimento. La decisione presa dal consiglio direttivo muove dalla considerazione che il percorso intrapreso con lo stesso in occasione delle elezioni amministrative ericine non ha prodotto quella auspicata integrazione interna e non ha garantito al movimento quella visibilità politica che avrebbe potuto consolidare  il rapporto ed indirizzare il Movimento verso scelte comuni e condivise”. “Cives” conferma, comunque, il suo sostegno all’amministrazione ericina. Lo strappo con Angelo avrà ripercussioni politiche. Finora a “Cives” sono toccati soltanto passi indietro nella maggioranza a sostegno del sindaco Toscano. Il Movimento aveva rivendicato la presidenza del consiglio per Giuseppe Spagnolo ma ha dovuto rispettare gli equilibri interni di coalizione ed alla presidenza del consiglio è stato eletto l’ex sindaco Giacomo Tranchida. Non ha un suo rappresentante in giunta così come le altre componenti della maggioranza. La nomina dell’assessore Valeria Ciaravino (Cittadini per Erice) è stata avallata anche dal Movimento ma non è tuttavia una scelta di “Cives”. La crisi con l’assessore Angelo complica la situazione perchè il Movimento del segretario Spina è sempre più lontano dalla stanza dei bottoni. Angelo avrebbe dovuto rappresentare anche le istanze di “Cives” – è stato eletto nella lista del Movimento – ma ora è chiamato a seguire altri percorsi politici. Toccherà al sindaco Toscano mettere ordine ed evitare che vi possano essere ripercussioni negative sulla compattezza della sua maggioranza.

 

Commenti

commenti