RACING FONDI-TRAPANI 1-0, PESANTE SCONFITTA PER I GRANATA

Racing Fondi-Trapani 1-0

Rete: Nolè 42’

FONDI: Elezaj, Quaini, De Martino, Corticchia (21’st Addessi), Ricciardi (37’st Pompei), Mastropietro, Vastola, Galasso (33’ Maldini), Tommaselli, Nolè (37’st Ciotola), Paparusso. A disposizione: Cojocaru, Vasco, Serra, Pezone, De Leidi. All. Antonello Mattei

TRAPANI: Furlan, Pagliarulo, Taugourdeau (1’st Minelli), Bastoni (24’st Girasole), Evacuo, Reginaldo (17’st Dambros), Fazio, Silvestri, Maracchi, Visconti (24’st Rizzo), Marras. A disposizione: Pacini, Ferrara, Bajic, Legittimo, Steffè, Canino. All. Alessandro Calori

Arbitro: Davide Curti di Milano; Assistenti: Tiziana Trasciatti di Foligno e Mirco Carpi Melchiorre di Orvieto

Note: Ammoniti Mastropietro nel Racing Fondi – Fazio, Dambros nel Trapani; Recuperi: 1’pt-6’st; Corner: 2-5

Il Trapani perde e perde male, con l’ultima in classifica. Il Racing Fondi inquadra la porta una sola volta in tutta la partita e si porta a casa tre punti. Granata sotto tono, incapaci di alzare il ritmo e di trovare trame di gioco accettabili. La squadra di Calori ha avuto tutto il tempo a disposizione per raddrizzare la gara ma l’unico sussulto è stato al 95′ quando Dambros finisce giù in area per l’arbitro e simulazione ma Marras aveva messo la palla dentro per il pareggio. Così il Trapani non può andare avanti. la squadra è spenta e non riesce a produrre gioco. Con l’ultima in classifica il primo tiro in porta granata è di Bastoni e non su azione manovrata ma su una palla vacante sulla trequarti del Fondi. Calori ha riproposto il 4-3-3, con Bastoni al posto di Palumbo e con la riconferma di Taugourdeau, a tratti inguardabile. E con la coppia d’attacco Evacuo-Reginaldo e Marras in linea sulla destra. Primo tempo con una sterile supremazia granata e con il Fondi che colpisce di rimessa e spesso arriva prima sui palloni che vagano a centrocampo. Al 43′ il gol partita. Mastropietro, sulla desta, scodella una palla in area di rigore che viene ripresa da Nolè che colpisce male ma la palla finisce su Visconti e finisce in rete. Al 45′ il Trapani potrebbe pareggiare con Evacuo, ma il suo colpo di testa viene deviato da Elezaj, un portiere davvero interessante. Finisce il primo tempo dopo 2′ di recupero ed il Trapani è sotto di un gol. La reazione nel secondo tempo non arriva. I granata non riescono a fare la stessa gara contro la Juve Stabia e continuano al piccolo trotto come se nulla fosse. Calori mette subito in campo Minelli al posto di Taugourdeau ma cambia poco. Al 58′ Reginaldo s’invola sulla destra, entra in area di rigore ma Elezaj dice ancora no mandando in angolo con la collaborazione del palo. Calori, al 61′, prova a giocarsi la carta Dambros che prende il posto di Reginaldo ma il giovane attaccante non lo ripaga con la stessa fiducia. Al 77′ ha infatti la palla gol più clamorosa, si ritrova in area di rigore un pallone invitante ma lo cicca e per il portiere del Fondi è ordinaria amministrazione. Ancora cambi per il Trapani al 68′ escono Visconti e Bastoni per fare posto a Rizzo e Girasole ed Rizzo a dare più vivacità all’azione del Trapani sulla fascia sinistra. Una sua incursione, con un doppio dribbling, ed un cross per Evacuo viene neutralizzata da un intervento d’anticipo di Elazaj. Anche il Fondi cambia qualcosa per resistere all’offensiva granata che però è soltanto possesso palla, ma con poche idee. Al 95′ il gol annullato che, in realtà, non è neanche tale perché l’arbitro Davide Curti aveva fischiato prima la simulazione di Dambros. A fine partita le proteste del Trapani che tuttavia deve, prima di tutto, prendersela con se stesso. Una squadra che punta a vincere il campionato non può perdere contro il Fondi che ha dimostrato, pur giocando un’ottima partita, tutti i suoi limiti tecnici e tattici. L’attenzione di stampa e tifosi si è spesso soffermata sull’attacco a tre, messo in discussione, ma il vero problema del Trapani è sempre di più a centrocampo. Non c’è nessuno in grado di dare idee alla squadra ed il pallone rimane spesso tra i piedi dei giocatori granata che non sanno a chi dare la palla. E’ una sconfitta pesante, condita dalla contestazione dei tifosi andati in trasferta che, a fine gara, hanno gridato tutta la loro insoddisfazione in faccia ai calciatori granata che sono tornati negli spogliatoi a testa bassa.

Commenti

commenti