ALCAMO, OPERAZIONE ANTIDROGA. UN ARRESTO E DUE DENUNCE

Uno spacciatore di livello, una dottoressa ed rampollo mafioso. Un’operazione antidroga della Polizia ha portato ad un arresto ed a due denunce a piede libero. L’arresto, portato a termine, ieri, ad Alcamo, è quello di Domenico Presti, 37 anni. E’ lui il commerciante di frutta e verdura con una posizione di rilievo negli ambienti dello spaccio di cocaina. Conclusione indagini e contestuale avviso di garanzia, invece, per la dottoressa L.A. e per l’uomo di fiducia della famiglia Melodia, Giuseppe Di Giovanni. L’indagine del Commissariat di Alcamo ha preso spunto da un sequestro di droga – 13 chilogrammi, tra hashish e marijuana – che ha coinvolto Di Giovanni. Gli stupefacenti furono, infatti, trovati in un’abitazione di Alcamo Marina che era nella sua disponibilità. Si tratta dell’operazione “Freezer” dello scorso mese di febbraio. L’intervento degli agenti del Commissariato di Alcamo, della Squadra Mobile e della DIA di Trapani chiuse il cerchio attorno a Di Giovanni, coinvolto nella detenzione, ai fini di spaccio, della droga. La dottoressa, 44enne, viene chiamata in causa perché è stata fermata e trovata in possesso di una modica quantità di cocaina. Interrogata dagli inquirenti forniva una versione dei fatti falsa, con l’obiettivo di proteggere il suo fornitore. Presti forniva la cocaina alla dottoressa anche quando era agli arresti domiciliari, sempre per reati per droga. Le ripetute segnalazioni alla Corte d’Appello di Palermo hanno portato l’uomo dai “domiciliari” al carcere.

Commenti

commenti