• Home »
  • Sport »
  • TRAPANI-SICULA LEONZIO 0-0, I GRANATA COLPISCONO DUE PALI ED UNA TRAVERSA. UN RIGORE NEGATO

TRAPANI-SICULA LEONZIO 0-0, I GRANATA COLPISCONO DUE PALI ED UNA TRAVERSA. UN RIGORE NEGATO

Trapani-Sicula Leonzio 0-0

TRAPANI: Furlan, Pagliarulo, Taugourdeau (42’st Reginaldo), Ferretti (14’st Minelli), Murano (14’st Evacuo), Fazio, Silvestri, Maracchi, Palumbo (10’st Bastoni), Visconti, Marras. A disposizione: Pacini, Ferrara, Bajic, Rizzo, Legittimo, Dambros, Steffè, Girasole. All. Alessandro Calori

SICULA LEONZIO: Narciso, Squillace, Gianola, Arcidiacono, Esposito, Bollino (21’st Aquilanti), Camilleri, De Rossi, Tavares (21’st Ferreira), Marano (37’st Gammone), D’Angelo (37’st Davì). A disposizione: Ciotti, Pollace, Giuliano, Monteleone, Russo, D’Amico, Bonfiglio, Cozza. All. Pino Rigoli

ARBITRO: Alessandro Meleleo di Casarano; ASSISTENTI: Carmine Graziano di Mantova e Andrea Bologna di Mantova

NOTE: Ammoniti Fazio nel Trapani – D’Angelo, Camilleri nella Sicula Leonzio; Recuperi: 0’pt-5’st; Corner: 6-5; Spettatori: 4.017

Un palo, una traversa ed ancora un palo. Ed un calcio di rigore netto, ma negato da un pessimo arbitro. Il signor Meleleo di Casarano ha diretto davvero male una gara comunque piacevole. La fortuna s’è girata dall’altra parte ed il Trapani ha raccolto soltanto un punto dal turno casalingo che doveva rilanciarlo dopo la sconfitta di Lecce. La Sicula Leonzio, fortunata, non ha però rubato nulla. Il pareggio l’ha cercato ed ottenuto con una partita gagliarda, così come si giocano le partite in serie C, dato che, a volte, sfugge ai granata. Le due squadre sono entrate in campo con lo stesso modulo: 4-3-3. Il mister degli ospiti Pino Rigoli ha confermato l’undici che aveva vinto contro il Matera (2-1). Mister Calori ha cambiato qualcosa. Ha lasciato in panchina Legittimo, al suo posto il rientrante capitan Pagliarulo ed ha schierato Palumbo a centrocampo al posto di Girasole. Nei primi 20′ di gara tanta Leonzio, che faceva densità a centrocampo e poco Trapani. Al 9′ Bollino provava a sorprendere il portiere granata Furlan con un tiro dal limite dell’area ma la palla arrivava strozzata, per una deviazione della difesa del Trapani. Al 12′ D’Angelo provava a far paura al Trapani con un tiro che si spegneva sul fondo ma passava vicino al palo alla destra di Furlan. Al 24′, nella prima azione pericolosa dei granata, poteva scapparci il gol. Taugordeau entra in area mette al centro, un difensore della Leonzio anticipa Murano che stava per colpire e manda la palla sul palo alla destra del portiere Narciso, ormai battuto. Al 27′ gli ospiti rispondono con Bollino che prova il tiro a giro su una buona ripartenza con Tavares e Marano. Al 28′ mischia in area di rigore della Sicula Leonzio, Maracchi colpisce di testa e manda la palla sulla traversa, Murano prova a colpire ma viene nettamente spinto in area di rigore, l’arbitro Meleleo non vede nulla e lascia giocare. Al 42′ ci prova Palumbo con un tiro a giro che finisce fuori ed allo scadere del primo tempo è Ferretti a tentare la via del gol con un sinistro che finisce fuori. Poi tutti negli spogliatoi a rifiatare. Il secondo tempo comincia con un Trapani più incisivo. Al 3′ Ferretti entra in area dalla destra e fa partire un diagonale che finisce sul palo e poi nelle mani di Narciso. Al 10′ Calori sostituisce Palumbo con Bastoni. Al 13′ una punizione di Taugourdeau viene controlla a terra da Narciso. La Leonzio replica con Marano dalla distanza ma per Furlan alcun problema. Al 14′ Calori fa nuove scelte: fuori Murano, dentro Evacuo, fuori Ferretti, dentro Minelli, che va ad occupare la fascia sinistra, con Marras che si sposta a destra. Mister Rigoli fa le sue mosse al 21′, dentro Ferreira, fuori Tavares, dentro Aquilanti, fuori Bollino. Quest’ultimo cambio è un centrocampista per un attaccante di fascia. Rigoli comincia a credere di uscire dal Provinciale indenne e si copre. Al 25′ azione personale di Maracchi sulla fascia destra ma il suo cross viene bloccato da Narciso. Al 34′ fallo su Marras, punizione dal limite di Visconti ma il pallone arriva telefonato tra le braccia del portiere della Leonzio. Al 36′ l’unica vera parata della partita di Furlan su un tiro secco dalla distanza di Esposito. Colpisce forte ma centrale ed il portiere granata para sicuro. Rigoli comincia anche a pensare di perdere tempo e manda in campo altri due suoi giocatori. Al 37′ Davì prende il posto di D’Angelo e Gammone entra al posto di Marano. Calori al 42′ gioca la carta Reginaldo che prende il posto di Taugordeau, ma l’ingresso del brasiliano non cambia gli equilibri dell’incontro. Neanche l’innesto di Evacuo ha dato il valore aggiunto che ci si può attendere in una gara casalinga. Calori non ha voluto giocare la carta di un attacco con Murano ed Evacuo assieme. La Leonzio in alcuni tratti di gara è stata più squadra, il Trapani si è invece affidato, forse un po’ troppo, alle giocate individuali. Granata sicuramente sfortunati, ma con un potenziale ancora inespresso. La Sicula Leonzio ha giocato una partita attenta che le ha consentito di portare a casa un punto pesante.

Terza giornata serie C girone C

Trapani-Sicula Leonzio 0-0

Fidelis Andria-Casertana 1-1

Matera-Cosenza 0-0

Monopoli-Akragas 0-0

Rende-Siracusa 0-1

Catania-Lecce 3-0

Catanzaro-Juve Stabia 0-0

Paganese-Reggina1-1

Virtus Francavilla-Fondi 1-0

Riposa: Bisceglie

CLASSIFICA: Monopoli 7 punti; Bisceglie, Rende 6; Reggina, Lecce, Catania, Casertana, Sicula Leonzio, Paganese, Francavilla, Trapani 4; Matera, Siracusa 3; Fidelis Andria, Juve Stabia 2; Akragas, Fondi, Cosenza 1.

Matera: 1 punto di penalizzazione.

Prossimo turno (17 settembre)

Akragas-Paganese

Bisceglie-Catanzaro

Cosenza-Fidelis Andria

Juve Stabia-Trapani

Lecce-Rende

Racing Fondi-Siracusa

Reggina-Matera

Sicula Leonzio-Monopoli

Virtus Francavilla-Catania

riposa Casertana

 

Commenti

commenti