• Home »
  • Attualità »
  • PANTELLERIA, ANCORA UNA VOLTA SUL MERCATO L’HOTEL MIRYAM E LA SUA DEPENDANCE AL BUE MARINO

PANTELLERIA, ANCORA UNA VOLTA SUL MERCATO L’HOTEL MIRYAM E LA SUA DEPENDANCE AL BUE MARINO

Sarà la volta buona? Chissà! Il Libero Consorzio Comunale di Trapani, in attesa della sua elezione diretta, dopo il voto all’Ars, torna a mettere in vendita uno dei suoi beni, l’Hotel Miryam di Pantelleria e la sua dependance al Bue Marino. Il mercato ha sempre detto no alla proposta, prima della Provincia regionale ed ora del Consorzio. La struttura turistica di Via Umberto I era di proprietà della Regione che decise di trasferirla all’ente provinciae nel 1986. L’Hotel fu affidato in concessione a privati fino al 2008, precisamente fino al 31 ottobre di quell’anno, quando l’assessore al Patrimonio Davide Fiore dichiarò: “L’Hotel, con la relativa dependance è ritornato nella disponibilità del patrimonio dell’ente”. L’obiettivo, già nel 2008, era dichiarato. Fiore annunciava, infatti, la vendita dell’Hotel. Ma tutti i tentativi che sono stati posti in essere, con tanto di gara, non sono mai andati in porto. Il mercato si è sempre girato dall’altra parte. L’intera struttura, Hotel (430 metri quadrati) e dependance (1.940 metri quadrati) venne stimata dall’Agenzia del Territorio: 2.200.000 euro. Un nuovo tentativo sarà quello del prossimo 13 settembre. Fino alle 9 sarà possibile presentare un’offerta economica al rialzo rispetto al prezzo a base d’asta. Alle 10, nella sede del Consorzio, si apriranno le buste, o la busta. Oppure si prenderà atto, ancora una volta, che nessuno è interessato alla dependance. Il prezzo a base d’asta è di 203.204 euro. Carte pronte anche per l’Hotel Miryam – le due strutture non vengono più vendute a corpo unico – anche se manca ancora la data della gara. Il prezzo a base d’asta per l’Hotel è di 1.706.878 euro. Si tratta di un immobile costruito negli anni Settanta. L’obiettivo del Libero Consorzio è quello di fare cassa e di ridurre gli effetti negativi della riduzione dei trasferimenti regionali all’ente.

Commenti

commenti