MAZARA, OPERAZIONE ANTIDROGA DELLA SQUADRA PEGASO

“Stefano c’è la polizia, Stefano c’è la polizia”. A gridarlo Manuel Sciuto mentre gli agenti della Squadra Pegaso di Mazara del Vallo lo bloccavano davanti casa. Il giovane, in compagnia del marsalese Davide Quinci, era appena rientrato per poi uscire precipitosamente. Ad attendere i due c’era la Polizia. Nella tasca del giubotto di Manuel Sciuto gli agenti rinvenivano una busta di cellophane trasparente con all’interno marijuana: due dosi già confezionate con la carta stagnola. In tutto 13 grammi circa. Ma gli agenti della Squadra Pegaso erano già intervenuti in Via Molise dopo avere tenuto sotto controllo l’abitazione degli Sciuto ed in particolare le mosse del fratello Stefano. La casa era da giorni sotto osservazione. Ieri pomeriggio gli agenti hanno deciso di controllare un soggetto che a bordo della sua autovettura destava sospetti. Dopo averlo identificato, B.D., 27 anni, mazarese, è stato sottoposto ad un controllo di polizia dopo avere lasciato l’abitazione degli Sciuto. Era entrato ed uscito dopo pochi secondi. Da qui il controllo degli agenti. Il giovane tirava fuori dalla tasca dei pantaloni un involucro di cellophane trasparente contenente circ 2 grammi di marijuana che consegnava alla Polizia. Accompagnato al commissariato è stato segnalato al Prefetto, così come prevede la legge. Gli agenti accertavano lo scambio tra Stefano Sciuto e B.D., ma non concludevano la loro azione e colpivano nel segno perché l’attesa ha poi portato a bloccare anche il fratello Manuel. La marijuana sequestrata, in totale circa 15 grammi, già in parte confezionata in dosi, avrebbe consentito ai due Sciuto di consolidare la loro base operativa e di smercio della droga. Nella perquisizione in casa è stato trovato anche denaro: 50 euro in banconote di piccolo taglio. Niente droga però in casa, soltanto nelle tasche di B.D., e di Manuel Sciuto. Il fratello Stefano, con precedenti penali in materia di stupefacenti, è stato tratto in arresto in flagranza di reato di cessione di sostanza stupefacente. Manuel Sciuto e Davide Quinci, entrambi incensurati, sono stati denunciati a piede libero per lo stesso reato. Per Stefano Sciuto sono scattati gli arresti domiciliari nella sua abitazione di via Molise.

SCIUTO STEFANO

Stefano Sciuto

 

 

Commenti

commenti