• Home »
  • Sport »
  • NOVARA-TRAPANI 2-2. COSMI: “LA SQUADRA CI HA CREDUTO FINO ALLA FINE ED E’ STATA PREMIATA”

NOVARA-TRAPANI 2-2. COSMI: “LA SQUADRA CI HA CREDUTO FINO ALLA FINE ED E’ STATA PREMIATA”

Un tempo ciascuno ed un punto ciascuno. Finisce così Novara-Trapani. Un 2-2 che luci ed ombre per i granata. I granata erano in emergenza per le tante assenze ma nel primo tempo hanno sfoderato una gara di grande personalità mettendo sotto la squadra di mister Boscaglia. Il Trapani della prima giornata di campionato ha mostrato cali di tensione che dovranno essere recuperati e superati nelle prossime partite. Quando i granata danno intensità al loro gioco esprimono un gioco brillante, quando invece spengono la luce diventano vulnerabili e la difesa va in affanno più del dovuto. Oggi al “Piola” c’era un gran caldo e la squadra di Boscaglia ha dimostrato di essere competitiva e piena di talento. Il gol del Novara arriva all’ottavo minuto del primo tempo su una punizione dalla trequarti di Galabinov e può essere inserito in uno dei cali di tensione della squadra di Cosmi. Un minuto prima del gol grande intervento di Guerrieri sullo stesso Galabinov. Poi la punizione con il portiere del Trapani che avrebbe potuto fare meglio. La palla si è insaccata vicino all’incrocio dei pali ma non era un tiro irresitibile. Il Trapani non si perde d’animo si affida alle giocate di Coronado – gran bella partita la sua – che prova a sfondare sulla sinistra con un fraseggio di fino con Rizzato, recuperato in extremis e tra i migliori in campo del Trapani. Al 23′ arriva il momento di Caio De Cenco che pareggia i conti con un colpo di testa in tuffo su cross di Fazio. De Cenco avrebbe potuto segnare dopo un minuto di gara con una deviazione in area in anticipo sul suo diretto avversario. E si può parlare di quasi-gol al 18′ quando imbeccato in area da Coronado costringe il portiere del Novara Da Costa ad un intervento sulla linea di porta. Trapani in emergenza ed anche sfortunato perché al 35′ perde il giovane Machin che si fa male calciando la palla. Al suo posto Barillà. I granata controllano la gara e provano ad essere pericolosi sfruttando le fasce, soprattutto quella sinistra. Ma in qualche occasione si fanno però prendere in contropiede dal Novara che avrebbe invece dovuto fare la partita. Al 47′ del primo tempo, in pieno recupero, Troest impegna Guerrieri con un colpo di testa. Guerrieri se la cava con qualche difficoltà di troppo. Si va al riposo con un pareggio che potrebbe anche stare stretto al Trapani. Nel secondo tempo le squadre rallentano anche per il caldo e provano a manovrare di più. Il Novara prende campo e tenta di schiacciare il Trapani. All’ottavo del secondo tempo arriva il gol del Novara. Legittimo non riesce a liberare la sua area di rigore e consente a Faragò di battere Guerrieri che si era appena salvato respingendo un tiro di Sansone. Il Trapani accusa il colpo e rischia di scomporsi, ma dopo qualche minuto torna a macinare il suo gioco. Non riesce però ad essere incisivo come nel primo tempo ed il Novara sente la vittoria più vicina. Ma nel primo minuto di recupero, la zampata vincente dei granata. Coronado, ancora lui, mette in area dalla destra, Ferretti anticipa tutti di testa e spizza la palla in rete. I tifosi granata esplodono di gioia. Un pareggio meritato.

Il tabellino

NOVARA: Da Costa, Koch, Troest, Beye, Calderoni, Viola, Bolzoni (22’st Buzzegoli), Faragò, Sansone (34’st Adorjan), Corazza (43’st Armeno), Galabinov. A disposizione: Pacini, Mantovani, Di Mariano, Kanis, Dickmann, Lukanovic. All. Roberto Boscaglia

TRAPANI: Guerrieri, Casasola (29’st Balasa), Pagliarulo, Legittimo, Fazio (36’st Citro), Machin (38′ Barillà), Coronado, Raffaello, Rizzato, De Cenco, Ferretti. A disposizione: Farelli, Daì, Carissoni, Visconti, Tumminelli, Canotto. All. Serse Cosmi

ARBITRO: Eugenio Abbattista di Molfetta; ASSISTENTI: Francesco Di Salvo di Barletta e Giuseppe Borzomì di Torino; QUARTO UOMO: Pierantonio Perotti di Legnano.

RETI: Galabinov 9′, De Cenco 24′, Faragò 9’st, Ferretti 46’st

Le scelte di Cosmi

Il tecnico granata conferma il 3-5-2 ma cambia i protagonisti rispetto a quelli ipotizzati alla vigilia. Lancia nella difesa a tre Casasola sulla destra ed in attacco propone il neoacquisto Ferretti al fianco di De Cenco. Coronado a fare da regista e suggeritore, con Raffaello e Machin a fare filtro a centrocampo. Il Trapani va in campo con Guerrieri; Casasola, Pagliarulo, Legittimo; Fazio, Raffaello, Machin, Coronado, Rizzato; Ferretti, De Cenco. Grande liberà d’azione per Coronado che ha anche fatto il trequartista quando è stato necessario.

Le pagelle del Trapani

Guerrieri 6: grandi parate come su Galabinov, Troest ed Adorjan, ma sulla punizione dell’1-0 del Novara avrebbe potuto fare meglio. Sul secondo gol non ha potuto far nulla.

Casasola 6: buona partita del “baby” della Roma arrivato in prestito a Trapani. Cosmi lo mette in campo a sorpresa ed il giovane difensore lo ripaga con una gara di qualità.

Pagliarulo 6: il capitano dirige la difesa e prova a dare serenità ad un reparto che ha cambiato tanto.

Legittimo 5,5: ha fatto la sua partita ma sul secondo gol del Novara avrebbe dovuto spazzare l’area ed invece il suo rinvio è stato corto ed ha favorito l’intervento di Faragò che ha messo in rete.

Fazio 6: fa sempre la sua parte. Va su e giù sulla fascia destra. Nel primo tempo, avrebbe potuto sfruttare meglio un’azione di contropiede che l’ha portato palla al piede in area di rigore del Novara.

Machin 6: gioca soltanto 36′ ma ancora una volta con qualità e personalità. Si fa male da solo in un lancio ed ora dovrà verificare le sue condizioni di salute.

Raffaello 6: macina chilometri su chilometri e prova anche il gol della vita con una rovesciata che ha tentato con coraggio. Nel centrocampo granata può esserci spazio per lui. E’ cresciuto.

Coronado 6,5: quando la palla finisce tra i suoi piedi sono sempre dolori per gli avversari. Ha giocato a tutto campo. Ha attaccato ed è il suo mestiere ma si è anche messo a disposizione della squadra quando c’era da soffrire. Cosmi ha detto che sarà il suo campionato ed il fantasista brasiliano ha voluto confermarlo sul campo.

Rizzato 7: è l’anima del Trapani. Era considerato out per un infortunio alla caviglia Cosmi l’ha messo in campo e lui, sulla fascia sinistra, si è fermato soltanto quando l’arbitro Abbatista ha fischiato la fine della gara.

Ferretti 6: Esordio in B con gol. Non poteva andare meglio per l’attaccante granata. Grande profondità e poi la rete decisiva per acciuffare un pareggio meritato. Vede la porta.

De Cenco 6,5: sornione ma sempre pronto alla zampata vincente. Avrebbe potuto segnare dopo un minuto di gara. Gioca bene sia di piede che di testa e la difesa del Novara l’ha sofferto per tutta la partita.

Barillà 6: entra al posto di Machin e fa la sua parte fino in fondo. Prova a dare geometria al gioco granata. Da rivedere in qualche appoggio. Con Rizzato l’intesa sulla sinistra è collaudata.

Balasa s.v.: entra al 29′ del secondo tempo, ma non entra in partita. Da rivedere.

Citro s.v.. Cosmi lo getta nella mischia per tentare di raggiungere il pareggio ma l’attaccante granata è ancora in fase di recupero. C’è tempo.

Le dichiarazioni di mister Cosmi

Tecnico granata soddisfatto per il risultato: “Abbiamo commesso errori gravi che in questa categoria spesso ti portano a perdere, ma è stata la classica partita d’agosto. La squadra ci ha creduto fino alla fine ed è stata premiata. Nel primo tempo meritavano di chiudere la partita in vantaggio”.

Le dichiarazioni di mister Boscaglia

Pensava di avere messo in cassaforte i primi tre punti della stagione ed invece ha dovuto fare i conti con il recupero in zona cesarini del Trapani: “Ho visto un primo tempo equilibrato, nel secondo tempo il Novara ha preso le redini del gioco e potevamo anche fare il 3-1, poi una nostra disattenzione ha concesso al Trapani la possibilità di pareggiare”.

Commenti

commenti