• Home »
  • Politica »
  • ELEZIONI, LA LEGGE ALL’ARS “CAMBIA” LE REGOLE PER 5 COMUNI TRAPANESI

ELEZIONI, LA LEGGE ALL’ARS “CAMBIA” LE REGOLE PER 5 COMUNI TRAPANESI

La riforma elettorale per i Comuni rimane in balia dei giochi d’Aula. L’esame del disegno di legge ha fatto passi avanti ma rimangono ancora alcuni nodi da sciogliere: mozione di sfiducia al sindaco e preferenza di genere. L’Ars ha dato invece il via libera ad una sostanziale riduzione del raggio d’azione del ballottaggio. Se un candidato sindaco raggiungerà il 40% dei voti non ci sarà secondo turno. Se dovessero essere in due a raggiungere questa meta vincerebbe chi avrà ottenuto più voti. Il candidato arrivato secondo nella competizione elettorale sarà poi consigliere comunale. Se la lista o le liste che sosterranno il candidato sindaco vincente supereranno la soglia del 40% scatterà il premio di maggioranza. Tra le nuove norme approvate dall’Ars c’è anche quella che estende il sistema maggioritario ai Comuni fino ai 15 mila abitanti. Norma che, se confermata dall’approvazione di tutta la legge, – lunedì se ne saprà qualcosa in più quando tornerà a riunirsi il Parlamento siciliano – chiamerà in causa 5 Comuni della provincia di Trapani. In particolare, Valderice, Campobello di Mazara, Paceco, Salemi e Partanna. Comuni che, avendo una popolazione sotto i 15 mila abitanti, ma superiore ai 10 mila, soglia attuale per il maggioritario, finirebbero per cambiare sistema di voto. Dal proporzionale al sistema maggioritario, dunque, per i cinque Comuni in questioe. Maggioritario che non prevede ballottaggio e che affida il premio di maggioranza alla lista che sostiene il candidato sindaco. Saliberebbero così a 17 su 24 i Comuni trapanesi con il maggioritario. C’erano già i Comuni di Petrosino, Custonaci, Gibellina, Pantelleria, Santa Ninfa, Buseto Palizzolo, Calatafimi-Segesta, San Vito Lo Capo, Vita, Favignana, Salaparuta e Poggioreale. Sistema proporzionale con l’eventuale ballottaggio per i Comuni di Trapani, Marsala, Mazara del Vallo, Alcamo, Castelvetrano ed Erice. Da verificare la posizione del Comune di Castellammare del Golfo che si trova al limite con una popolazione di 15.304 abitanti. Potrebbe infatti scendere sotto soglia. Nel 2017 i Comuni trapanesi che andranno al voto sono Trapani, Erice, Castelvetrano e Petrosino. Per i primi tre ci sarebbe la sperimentazione del nuovo sistema elettorale in fase di approvazione all’Ars.

Commenti

commenti