QUOTE TONNO, LA SENATRICE ORRU’ CONTESTA L’ESCLUSIONE DI FAVIGNANA

La senatrice del Pd Pamela Orrù non ci sta e presenta una interrogazione al Ministero delle Politiche Agricole Maurizio Martina. La ripartizione delle quote tonno penalizza l’isola di Favignana e la Sicilia. Cosa che non accade invece nelle altre regioni italiane. La parlamentare dei democratici chiama in causa Martina, compagno di partito per sapere “quali  iniziative “intenda assumere per salvaguardare il comparto della pesca siciliana, in linea con quanto stabilito dalle istituzioni comunitarie nel sostenere la ripartizione delle quote tonno fra tutte le regioni italiane dove si pratica l’attività di pesca”. Per Favignana soltanto la possibilità di calare le reti per una rappresentazione della mattanza, ad suo e consumo dei turisti, perché i tonni catturati dovrebbero poi essere rigettati in mare. Pur di fronte ad un aumento del 20% della quota tonno per l’Italia da parte dell’Unione Europea e pur di fronte alla conerma di 6 tonnare fisse che rischiavano di essere ridotte a 3, il Ministero non ha ritenuto opportuno assegnare uan quota tonno alla tonnara di Favignana, mettendo a rischio il progetto di tornare a calare le reti che aveva come riferimento la ditta Castiglione.

 

Commenti

commenti