• Home »
  • Economia »
  • TONNARA, PRIMA C’E’ FAVIGNANA MA SENZA DIMENTICARE SAN CUSUMANO E BONAGIA

TONNARA, PRIMA C’E’ FAVIGNANA MA SENZA DIMENTICARE SAN CUSUMANO E BONAGIA

Mancava il sindaco di Favignana Peppe Pagoto ma alla riunione a Palermo, all’Assessorato regionale all’Agricoltura, s’è parlato del ripristino della mattanza nelle Isole Egadi. L’assessore Antonello Cracolici ha ascoltato la senatrice Pamela Orrù ed i sindaci di Erice e Valderice Giacomo Tranchida e Mino Spezia. La vertenza tonnara è ancora aperta sia a livello nazionale per la distribuzione della quota tonno relativa alle tonnare fisse, sia a livello regionale per le licenze e le concessioni. Per quanto riguarda Favignana c’è la disponibilità della società “Castiglione” a gettare le reti. Spezia e Tranchida ne hanno approfittato per inserire nella vertenza tonnara anche le loro realtà locali che finirebbero per essere chiamate in causa di fronte ad un rilancio della pesca del tonno attraverso il sistema tradizionale delle tonnare. Ad Erice c’è ex Tonnara di San Cusumano dell’azienda Castiglione. A Valderice, l’ex Tonnara di Bonagia. Il rilancio della tonnara di Favignana rimane la priorità, ma i due sindaci hanno voluto rimarcare che in un progetto più ampio di valorizzazione del territorio potrebbe esserci spazio per tutti, almeno nella valorizzazione delle eccellenze enogastromiche. Una delle ipotesi di lavoro sarebbe quella di un paniere di prodotti di qualità: dal tonno al sale, dal vino all’olio e all’ortofrutta. Individuati anche gli strumenti tecnici per intervenire e programmare. Oltre alla direzione strategica dei Comuni anche il Distretto Turistico, i GAL, I GAC, il Libero Consorzio Comunale di Trapani ed i privati con le loro aziende. Già che c’erano i due sindaci hanno messo in campo anche altre opzioni. Il sindaco di Valderice è tornato a chiedere il completamento della pista di elisuperficie di contrada Seggio da parte della Regione, anche a fini anticendio ed un sostegno concreto alle vicende che riguardano la realtà portuale di Bonagia. Tranchida ha invece riproposto il progetto di “Erice Mountain Park con, tra l’altro, il parco avventura, i rifiuti, il piano per la sentieristica.

 

 

 

Commenti

commenti