CONSEGNATI AI COMUNI 24 IMMOBILI CONFISCATI ALLA MAFIA

Il prefetto Postiglione, direttore dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati e confiscati, ha proceduto oggi alla consegna ai sindaci della provincia di ventiquattro immobili confiscati alla mafia. Alla cerimonia, svoltasi presso l’Hotel Xiare di Valderice, hanno preso parte, tra gli altri, il prefetto Leopoldo Falco, il presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani Piero Grillo e amministratori locali del Comuni di Valderice, Calatafimi, Castelvetrano, Marsala, Mazara del Vallo, Paceco e San Vito Lo Capo. I beni assegnati, sono stati confiscati, oltre che a Tommaso Coppola e Giuseppe Grigoli, a Liborio Pirrone, Vincenzo Piazza, Massimo Troia e Rosario Esposto. “Si tratta di una occasione di sviluppo e di crescita per i nostri territori”, dice il sindaco di Valderice Mino Spezia. “La consegna formale dei beni da parte dell’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata apre una nuova fase di confronto e di riflessione. Perché si possa parlare di una vera svolta culturale è necessario che i beni in questione siano concretamente integrati nel tessuto sociale del territorio. I cittadini devono riappropriarsene per sfruttarli al servizio della loro Comunità. E’ questo l’impegno che intendiamo assumerci fino in fondo. Non un utilizzo formale, ma sostanziale, vitale per un territorio che può riscattarsi e crescere anche nella capacità di gestione dei beni. L’obiettivo deve essere quello di migliorare la qualità della vita ed i beni consegnati possono dare una spinta in più ed una opportunità in più per consolidare e riaffermare il diritto di cittadinanza di una Comunità che ha da tempo fatto la sua scelta di campo per la legalità e la trasparenza, contro tutti i poteri mafiosi ed occulti”.

 

Commenti

commenti